Un’impresa temeraria quella intrapresa da un cane coraggioso, protagonista di un salvataggio all’ultimo minuto. Cesare, un meticcio di otto anni e dal manto nero, ha salvato il suo proprietario da morte certa per asfissia. Riccardo, pallavolista di 27 anni di Falconara in provincia di Ancona, stava dormendo sul divano quando la caldaia ha preso fuoco. Probabilmente per colpa di un corto circuito improvviso e la struttura in plastica è stata subito avvolta dalle fiamme.

>>Leggi la storia dell’eroico bassotto disabile

Ignaro del terribile accaduto il ragazzo ha proseguito con il sonno, ma è proprio grazie all’incessante abbaiare di Cesare se è ancora in vita. Il simpatico cucciolone, resosi conto del pericolo, ha continuato a richiamare l’attenzione del suo proprietario fino a svegliarlo. Le fiamme, che avevano iniziato a fuoriuscire dalla caldaia, sprigionavano un fumo nero molto denso. La casa si era riempita di una spessa fuliggine, intasando l’atmosfera.

Grazie al tempestivo richiamo di Cesare, il ragazzo ha potuto chiedere soccorso a un vicino e insieme hanno spento le fiamme e domato l’incendio. Per fortuna la casa non ha subito danni, ed è ancora agibile come l’impianto elettrico. Ma Riccardo, senza la presenza fondamentale del cane, probabilmente non avrebbe ripreso conoscenza. Scivolando dal sonno alla morte per intossicazione.

>>Guarda l’eroica Duffy e il suo salvataggio di animali

L’intervento finale dei vigili del fuoco ha sistemato l’abitazione, confermando la praticabilità del luogo. Solo muri e soffitto anneriti e caldaia da sostituire completamente. Ma grandi feste e premi per il coraggioso Cesare, ricompensato con una cuccia tutta nuova, una buona pappa e tanto amore.

15 aprile 2013
Lascia un commento