Una tragedia sfiorata, evitata solo grazie all’attenzione e al pronto intervento di un amico a quattro zampe. È quanto è accaduto negli Stati Uniti, nel Maine, dove un cane ha abbaiato senza sosta per svegliare la sua famiglia, affinché tutti si potessero mettere in salvo da un incendio. Secondo quanto rivelano le fonti d’Oltreoceano, è proprio grazie al quadrupede se tutti i membri del nucleo familiare si trovano oggi in buone condizioni di vita.

Il tutto è accaduto a Bridgton la scorsa domenica, in piena notte: l’incendio, infatti, è scoppiato attorno alle 2.30. A quanto pare, le fiamme sarebbero nate all’esterno o nei pressi dell’abitazione dove la famiglia dormiva serena, intaccandone ben presto la struttura. Il cane, percependo il pericolo dovuto al fuoco e al fumo, ha quindi cominciato ad abbaiare nervosamente, raggiungendo proprietari e figli nelle loro stanze da letto. Quanto è bastato per garantire a tutti una rapidissima fuga.

La famiglia e il cane, le cui generalità non sono ancora state rivelate, sono riuscite a raggiungere un luogo sicuro, senza nessuna conseguenza fisica, né intossicazioni da fumo. Nel frattempo sono intervenuti i vigili del fuoco della squadra di Bridgton, i quali hanno gestito ed estinto rapidamente le fiamme. Secondo le ricostruzioni della stampa statunitense, l’abitazione avrebbe subito dei danni ingenti dovuti sia al fuoco che all’acqua utilizzata per domarlo, ma la struttura non sarebbe completamente irrecuperabile. Al momento, non sono note le cause scatenanti dell’incendio, su cui stanno già indagando le autorità locali, sebbene si sia già esclusa l’origine dolosa. Le fiamme, infatti, potrebbero essere derivate da un incidente, la cui natura non è ancora nota.

Nel mentre, sia la famiglia che il loro amato amico a quattro zampe si troverebbero in ottime condizioni di salute. Sui social network, come accade in questi casi, la notizia è già divenuta virale: in molti hanno colto l’occasione di Twitter e Facebook per celebrare il tanto coraggioso amico a quattro zampe.

2 maggio 2016
Fonte:
Lascia un commento