Aveva scosso l’opinione pubblica la triste storia della cagnolina Freya, la piccola di sei anni rifiutata più di 18.000 volte. La sua vicenda aveva varcato i confini del rifugio dove attualmente vive, il Freshfields Animal Rescue Centre di Liverpool, per approdare alla TV. Alcuni programmi locali avevano sponsorizzato la sua storia sensibilizzando la sua vicenda, nella speranza di un’adozione compassionevole. Ma la presenza dell’epilessia aveva da sempre frenato ogni interesse nei confronti di Freya, costretta a vivere al rifugio fin dalla tenera età di sei mesi.

Ma per la cucciola, considerata l’animale più solo del Regno Unito, il vento è finalmente cambiato. La sua triste storia, i tanti appelli, hanno catturato l’attenzione di qualcuno. Una persona speciale, il regista e produttore cinematografico Michael Bay, che ha deciso di ospitarla nella sua prossima pellicola. Non un film a tema, però, bensì Transformers 5. Non è ancora chiaro quale sarà il ruolo del cane, ma sicuramente questa notizia permetterà a Freya di far conoscere la sua storia anche fuori dal Regno Unito. Come ha specificato lo stesso Bay attraverso un tweet, questa notorietà le consentirà di trovare una nuova casa, a meno che non diventi parte integrante proprio della sua famiglia.

Decisamente una novità incredibile per la simpatica cagnolina di razza Staffordshire Bull Terrier, che ha sorpreso anche lo staff della struttura ospitante. Questa insperata notorietà potrebbe garantirle un futuro migliore, spronando verso l’adozione e sensibilizzando l’opinione pubblica nei confronti dell’epilessia canina. Un’attenzione importante che potrebbe aumentare l’interesse anche nei riguardi del rifugio e, di conseguenza, implementando le chance anche per gli altri ospiti del canile. Una piccola gioia per chi da anni segue con costanza la dolce Freya, un cane ingiustamente rifiutato fin troppe volte. Nella speranza che la quadrupede possa trovare la casa perfetta per le sue esigenze, una famiglia che comprenda le sue necessità seguendola passo dopo passo.

7 giugno 2016
Fonte:
Lascia un commento