Il Perù è vittima di violente alluvioni che, da settimane, stanno straziando il paese, conseguenza diretta delle piogge ininterrotte degli ultimi tempi. L’acqua è scesa in abbondanza causando l’esondazione e lo straripamento di corsi d’acqua e fiumi, che si sono riversati con violenza sui centri abitati e nelle città. Questo ha reso necessaria l’evacuazione delle zone colpite, con un numero elevatissimo di sfollati rimasti senza casa, perché ricoperta e invasa dal fango. Un disagio profondo che ha messo a repentaglio anche una delle sostanze primarie di vita e sostentamento: l’acqua. Il fango si è infiltrato in condotti e tubature andando a intossicare, contaminando le falde, la preziosa acqua potabile.

La popolazione si è così ritrovata a fare i conti con una fornitura più contenuta, gestita attraverso le cisterne e le autobotti. L’incredibile afa conseguente alle piogge torrenziali sta rendendo complicata la vita delle vittime di questo cataclisma, in maggioranza costituita da popolazioni povere e indigenti. Ma anche la natura soccombe alla brutalità del tempo, piante ma anche animali.

=> Scopri come dissetare i cani randagi


Tra questi spicca l’immagine di un cane randagio immortalato per le strade di Chorrillos, nei pressi di Lima. Il quadrupede da tempo mendica qualcosa da bere, per dissetarsi e ritemprarsi dal caldo. La chiusura dell’acqua pubblica ha avuto ripercussioni anche per lui e per gli esemplari senza fissa dimora.

=> Scopri il cane che mangia sassi per vivere


L’animale si aggira così, disperato, trasportando una ciotola di plastica, un piccolo secchio come a supplicare un goccio di acqua dissetante. Ripreso da più canali social ma anche dal Daily Mail, il quadrupede e il suo piccolo gesto sono diventati subito virali. Lo sguardo triste e supplichevole ha commosso la rete, che si è subito interessata per il suo benessere. Non è chiaro se l’animale sia di proprietà o, come sospettando in molti, un esemplare randagio. Al cucciolone è stata fornita dell’acqua per riprendersi dalla calura eccessiva mentre si cerca di capire la sua provenienza.

27 marzo 2017
Fonte:
Lascia un commento