È una storia commovente, quella che proviene dagli Stati Uniti e che vede protagonista un fedelissimo cane di razza Labrador. Da sempre abituato a condividere equamente i propri pasti con un compagno di giochi, il quadrupede sembra sia rimasto abbastanza scosso dal decesso del suo caro amico. E così, nonostante la dipartita, tutt’oggi cede metà della sua razione quotidiana, forse nella speranza l’amato compagno faccia la sua riapparizione.

La vicenda è stata raccontata sui social network dal proprietario dei cani, l’attore e regista Easton Dufor. Cookie e Stitch, due esemplari di Labrador biondo, hanno imparato sin dalla tenera età a dividere equamente il cibo, avvalendosi di un’unica ciotola. In particolare Cookie, la femmina della coppia, ha sempre dimostrato un animo molto generoso e attento, tanto da regalare al compagno di vita sempre la metà esatta della sua razione quotidiana. Un training singolare, poiché appreso autonomamente grazie alla convivenza reciproca.

=> Scopri il Labrador, la razza più amata in USA


Alla scomparsa di Stitch, tuttavia, la cagnolina non ha voluto abbandonare l’abitudine presa, forse nella speranza di poter rivedere prima o poi il quadrupede. È quanto ha spiegato il proprietario, in un aggiornamento apparso su Instagram e su Twitter:

Il mio cane Stitch ha insegnato all’altro esemplare Cookie come mangiare solamente le metà del cibo nella ciotola. Quindi, sin da quando era giovane, Cookie ha sempre saputo di dover lasciare metà del cibo, affinché anche Stitch potesse gustarlo. Da quando Stitch se n’è andato, le sto perciò fornendo meno cibo. Prima di andare a letto, ho voluto accertarmi avesse mangiato: ha lasciato metà della ciotola per Stitch.

=> Scopri la razza Labrador Retriever


La condivisione è divenuta immediatamente virale, con molti utenti commossi per la generosità del cane, per quanto probabilmente dettata dall’abitudine. L’atteggiamento del Labrador, tuttavia, non stupisce: si tratta di una razza molto sociale, capace di stringere legami indissolubili nel tempo, nonché dall’animo estremamente solidale con gli altri membri del proprio branco.

15 giugno 2017
Fonte:
Lascia un commento