Una condizione di vera negligenza e sofferenza, per una coppia di animali relegati a vivere imprigionati in un appartamento, tra immondizia e feci. I due esemplari – il cane Reggie, mix PitBull e Alano, e il gatto Sylvester – nonostante la giovane età hanno trascorso buona parte della loro esistenza in piena reclusione. I quadrupedi da mesi non lasciavano l’appartamento del loro proprietario, con sede a Brooklyn, New York. Il vicinato era a conoscenza della condizione di sofferenza patita dal cane e dal gatto, ma l’uomo impediva ogni accesso alla sua abitazione. Nonostante l’ufficio della protezione animale fosse stato interpellato più volte, nessuno era mai intervenuto in sostegno dei due.

Il provvidenziale arresto dell’uomo ha consentito l’ingresso nella casa di un ufficiale, che si è subito adoperato per sfamare la coppia. Ma un vicino di appartamento, un collaboratore della Rescue Dogs Rock NYC, ha chiamato l’associazione che è subito intervenuta accogliendo Reggie e Sylvester per le prime visite. I due sono apparsi visibilmente magri e denutriti, oltre che disidratati e trascurati. Reggie, sottopeso di quaranta chili, è stato collegato immediatamente a una flebo. Nonostante la situazione di privazione emotiva, i due sono apparsi socievoli e fiduciosi verso i loro salvatori.

=> Scopri tutto sul PitBull triste


Come ha sostenuto Stacey Silverstein, cofondatrice del centro, all’apertura della porta l’appartamento è apparso ricoperto di immondizia, avanzi di cibo, scarti e principalmente feci e urina. L’aria del tutto irrespirabile aveva saturato l’ambiente malsano, uno spazio debilitante dove gli animali vivevano senza cibo e acqua. Dopo un breve periodo di separazione, i due sono stati riuniti e hanno dimostrato grande gioia ed entusiasmo nell’incontrarsi ancora. Appena avranno recuperato forze e peso verranno trasferiti in affido in una casa famiglia, dove potranno continuare a vivere fianco a fianco fino a completa guarigione. Il loro è un legame speciale cresciuto passo dopo passo, un sodalizio che l’associazione non vuole scindere ma preservare.

19 dicembre 2016
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento