Una vicenda emozionante quella che ha coinvolto Patty Corbat e il suo cane Olivia, separate dal destino per tre lunghi e interminabili anni. La donna della Florida ha potuto ritrovare e riabbracciare il suo amato cane, dopo un lungo periodo di lontananza. Ormai aveva perso ogni speranza di ritrovare Olivia ancora in vita, eppure il cane non si trovava molto distante: solo 8 chilometri dalla sua abitazione.

Tutto era accaduto per un errore fatale: il cane, affidato a un dog sitter, era scappato durante un giro di shopping. La donna si era subito attivata contattando i canili di zona, avvisano vicini e amici e divulgando ovunque l’immagine di Olivia. Aveva battuto tutti i luoghi alla ricerca della sua piccola amica e in cuor suo non aveva mai smesso di attenderne il ritorno. Ma il tempo passava e le speranze affievolivano lentamente.

Fino a quando una telefonata inaspettata ha riacceso la fiamma, l’associazione animalista Pet Haven Pet Rescue ha recuperato Olivia e identificato la proprietaria grazie al chip. L’animale da tempo viveva in una zona verde accanto a un supermarket di Wellington, nascondendosi nella vegetazione dove si era creata un piccolo rifugio. Timorosa e spaventata, non si faceva avvicinare da nessuno del personale del market, uscendo solo con il favore del buio per cibarsi di spazzatura e pietre. È stata recuperata solo grazie alla pazienza dei volontari di Pet Haven Pet Rescue, i quali hanno costruito una trappola con del cibo.

Condotta al rifugio, la cagnolina è apparsa emaciata e sporca di feci e fogliame. Dopo un bel bagno e un pasto ristoratore, la piccola fuggiasca è stata riportata dalla sua proprietaria, identificata grazie al chip sottocutaneo. Un incontro straziante quello tra la donna e il cane 11enne: Olivia si è lanciata dal furgone per buttarsi tra le braccia della donna leccandole il viso con amore. Ora è stato istituito un piccolo fondo per le cure del cane, un po’ provato dall’esperienza, ma felice di essere nuovamente a casa.

19 settembre 2013
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Sergio ZANGANELLI, giovedì 19 settembre 2013 alle20:57 ha scritto: rispondi »

Questi fatti ripropongono l'importanza del cip per rintracciare i padroni dei cani smarriti. Chiunque trovi un cane deve subito accertare a mezzo del cip il proprietario risparmiando cosi' alla povera bestia una vita di vagabondaggio

Lascia un commento