Amara scoperta dopo la Festa del Ringraziamento, negli USA: una donna di Staten Island (New York), di ritorno da una cena per la festività, si è imbattuta in un cane abbandonato. L’animale, visibilmente sofferente e denutrito, era legato a un albero, a poca distanza dall’abitazione della donna. La protagonista del ritrovamento, Laura Cavalleri, è rimasta pietrificata dalla scoperta e dalla condizione di disagio patita del quadrupede. Dopo un controllo con tutto il vicinato, per appurare se il cane fosse di proprietà, Laura ha chiesto il supporto di alcuni gruppi e associazioni animaliste. Non potendolo accogliere personalmente ha comunque deciso di non voltarsi dall’altra parte, concedendo all’animale una via di riscatto dalla morte certa. Condividendo anche via Facebook la notizia del ritrovamento del quadrupede, nell’ipotesi si fosse semplicemente smarrito.

Sul posto è intervenuto il gruppo Pluto Rescue di Richmond County, che ha recuperato il cane malandato, in tandem con il distretto di Polizia 120th Precinct, per poi condurlo presso il Staten Island Veterinary Group a Travis per le prime viste. L’animale abbandonato, ribattezzato Bronson, è un esemplare di razza Pit Bull dal colore scuro e fortemente sottopeso. Prima di nutrirlo adeguatamente, il team ha dovuto alzare la temperatura corporea, molto bassa e compromessa. Dopo una serie di esami e flebo, il cane ha incominciato a camminare debolmente, permettendo così al gruppo di somministrare fluidi e alimenti.

=> Scopri tutte le curiosità sui cani


Lisa Rooney, Presidentessa del gruppo di salvataggio, ha confermato un lento ma graduale miglioramento del quadrupede. Al suo arrivo, Bronson non poteva neppure reggersi in piedi, pesava la metà del formato classico di un cane della sua razza e presentava tagli sull’inguine. Per giungere a quella condizione di abuso e sofferenza deve aver passato intere settimane senza cibo e acqua, probabilmente rinchiuso in attesa della sua morte. Appena si sarà ristabilito e avrà ritrovato la forza e l’energia, per lui si apriranno le porte dell’adozione nella speranza di trovare la famiglia perfetta.

28 novembre 2016
Immagini:
Lascia un commento