Il periodo estivo è il peggiore per quanto riguarda l’amore verso i cani: tra le vicende di abbandono senza remore e gli esemplari consegnati al canile, le percentuali aumentano. È il caso del cane Layla, un tigrato mix Pit Bull di circa 7 anni, che il proprietario ha deciso di portare al rifugio di San Bernardino City Animal Control in California perché impossibilitato a gestirlo. Una situazione difficile, triste e drammatica segnata dalla separazione del cane dall’amato proprietario. Il momento della consegna è stato immortalato dalla volontaria e pubblicato su Facebook. Mentre il proprietario risponde alle domande della donna il cane Layla appare nervosa, insicura, come se fosse consapevole dell’imminente addio.

La cagnolina dall’indole positiva, tanto da entrare in sintonia con simili, bambini e umani, è stata lasciata al canile insieme al suo compagno di casa. Un secondo cane di razza Pit Bull non imparentato direttamente con Layla. Nel video si può notare quanto la piccola appaia spaventata e angosciata dalla situazione che non comprende, quindi da spazi e volti nuovi. Ferma in un parcheggio con l’ormai ex proprietario, Layla è in ansia e turbata dall’abbaiare degli altri cani, stravolta dalla nuova dimensione. La sua è stata un’esistenza all’aria aperta ma ora l’ex proprietario non può più occuparsi del lei e dell’altro cane, non ha più tempo da dedicargli. In particolare non ha più modo di condurli in passeggiata.

Layla ora attende una soluzione che sia definitiva, una vita che sia per sempre. Per dimenticare il passato, per rimuovere l’abbandono dopo 7 anni di vita insieme. Magari nella speranza che qualche anima compassionevole la possa adottare insieme al suo compagno a quattro zampe, così da ricreare la condizione precedente di serenità. Layla non è un caso isolato, tanti gli animali che finiscono in canile per mancanza di tempo, ma anche a causa della crisi economica oppure semplicemente per noia.

23 luglio 2015
Fonte:
I vostri commenti
Milvia Angela Codazzi, giovedì 23 luglio 2015 alle11:13 ha scritto: rispondi »

Non ho parole.

Lascia un commento