Per un cane, non vi è nulla di più straziante che la perdita dell’amore della propria famiglia, del ruolo di guida della figura umana di riferimento. È quanto dimostrano delle immagini registrate negli Stati Uniti, all’interno di un rifugio di Humane Society, pronte a testimoniare la reazione confusa di una docile cagnolina nel realizzare l’abbandono da parte dei suoi compagni di vita. Un filmato che un’attivista ha deciso di condividere sui social network, affinché funga da testimonianza del dolore che un quadrupede abbandonato può provare, nonché per sensibilizzare su una così triste abitudine.

Il tutto è accaduto presso il centro Humane Society di Inland Valley, in California, lo scorso 17 maggio. Electra, una Pit Bull di soli quattro anni d’età, è stata accompagnata dai suoi proprietari presso la struttura, poiché non più desiderata all’interno del nucleo famigliare. Trasferita in un recinto, e fornita la prima assistenza, la cagnolina ha subito compreso di aver perso l’amore dei suoi cari.

=> Scopri il cane abbandonato come un rifiuto


Spaventata e dallo sguardo confuso, la quadrupede si è mostrata depressa e timorosa, nonostante i tentativi dello staff di sollevarle il morale. Completamente spaesata, la piccola si guarda attorno, come se cercasse di intravedere una figura a lei conosciuta, tentennando nel compiere anche il minimo passo. Eppure, nonostante questa situazione di evidente disagio, Electra non smette di scodinzolare, quasi volesse ringraziare coloro che hanno deciso di farle compagnia.

=> Scopri il cane depresso dopo due abbandoni


Il video è divenuto immediatamente virale, generando reazioni preoccupate e molta commozione sui social network, stimolando un passaparola generalizzato fra gli appassionati di cani. E, forse grazie anche alla potenza comunicativa delle piattaforme sociali, per Electra vi è stato fortunatamente un lieto fine: la cagnolina, infatti, è stata adottata da una nuova famiglia.

Il filmato, caricato su Facebook dall’attivista Lolys Menchaka, svela quale sia la sofferenza degli animali all’interno di rifugi e canili: per quanto lo staff possa occuparsi egregiamente dei loro bisogni, i cani necessitano del calore di una famiglia e della sicurezza di una casa, poiché esemplari estremamente sociali nonché altrettanto fedeli.

26 maggio 2017
Fonte:
Lascia un commento