Diane Papazian deve la vita al suo cane Troy: l’animale le ha indicato con insistenza la presenza di un cancro al seno. Non è un evento atipico, spesso i cani hanno dimostrato questa particolare sensibilità nell’individuare e stanare le cellule cancerogene. Il loro fiuto, così raffinato e preciso, è in grado di identificare tra tanti gli odori che possono ricondurre alla malattia.

La proprietaria del bellissimo cane, di razza Dobermann, si era resa conto dell’interesse dell’animale rivolto a una parte circoscritta del suo corpo, nel dettaglio un nodulo che si era formato nel seno. Il cucciolo strofinava e puntava il muso con insistenza, tanto da insospettirla. Nonostante una precedente visita approfondita, Diane si è rivolta al medico per una nuova mammografia e l’esame ha confermato i sospetti: la presenza di un tumore molto aggressivo al seno.

La tempestività della scoperta ha permesso alla donna evitare il peggio e, dopo una doppia mastectomia e un ciclo di chemioterapia, si è completamente rimessa. Durante la fase riabilitativa Diane ha potuto contare sulla presenza del marito, ma anche sugli sguardi amorevoli di Troy. Il cane non l’ha lasciata un attimo, sedendo al suo fianco per farle compagnia e dimostrarle il suo affetto. Grazie a questa storia, inoltre, l’animale è stato nominato per il premio Hero Dog of the Year dall’American Humane Association.

Troy, famoso per essere un cane da concorsi molto quotato, in questo caso ha confermato ciò che gli scienziati sostengono da anni. Ovvero la predisposizione canina nell’individuare gli odori legati alla presenza di cellule cancerogene. Grazie a un olfatto sviluppatissimo, 100.000 volte più potente di quello umano, il cane può stanare la presenza delle cellule maligne. Queste emanano delle sostanze chimiche particolari, dette composti organici volatili, solitamente non presenti nei corpi sani. Per questo, da tempo, i cani sono stati inseriti in specifici programmi di addestramento utili all’individuazione di differenti tipologie tumorali.

12 febbraio 2014
Fonte:
Immagini:
Lascia un commento