Cane di un cacciatore spara al suo proprietario

È una vicenda singolare, quella che ha coinvolto un cane e il suo proprietario, un cacciatore statunitense. Il quadrupede, giunto nelle vicinanze delle armi da fuoco dell’uomo, ha inavvertitamente sparato un colpo, colpendo il suo compagno. Il proprietario, dopo un lungo processo di guarigione per le ferite riportate, ha deciso di raccontare la sua storia, sottolineando di non aver nessun tipo di rancore per il suo amato amico a quattro zampe.

Il tutto è accaduto nel Nuovo Messico, dove Charlie – un cane di razza Rottweiler – ha ferito alla schiena il proprietario con un colpo di fucile. Sonny Gilligan, questo il nome del cacciatore, ha spiegato di aver adagiato il suo fucile sul retro del suo furgone, dove si trovava anche l’animale. Il quadrupede, muovendosi durante il ritorno a casa, ha inavvertitamente attivato il grilletto dell’arma, quest’ultima carica. È partito un proiettile che, dopo aver attraversato il sedile del guidatore, ha causato all’uomo la rottura di una costola e altre profonde ferite.

=> Scopri il cane che spara al cacciatore in Russia


L’uomo è comunque riuscito a chiamare tempestivamente i soccorsi e, dopo diversi interventi chirurgici, ha cominciato il suo processo di guarigione, fortunatamente senza ulteriori conseguenze. Il cacciatore ha voluto specificare, così come già accennato, di non provare alcun rancore per il cane, proprio perché si è trattato di un incidente più unico che raro. Una dimenticanza, forse, poiché in molti hanno fatto notare come un fucile scarico, o con le dovute sicure applicate, non avrebbe portato a simili conseguenze.

=> Scopri la donna che ha sparato al marito perché maltrattava il gatto


Non a caso, l’uomo ha fatto di tutto per recuperare il suo amato cane dopo il colpo, poiché i soccorritori l’avevano momentaneamente trasferito in un rifugio locale, in attesa di un ricongiungimento con la sua famiglia. Come lecito attendersi, la storia è divenuta immediatamente virale, con moltissimi commenti e condivisioni sui social network.

5 novembre 2018
Fonte:
Lascia un commento