Un cane bagnino ha dimostrato tutto il suo valore sulle spiagge di Caorle, in provincia di Venezia. Si chiama Dafny, è un esemplare di Dobermann e nella giornata di ieri ha tratto in salvo quattro turiste rumene prossime ad affogare al largo.

Il tutto è accaduto allo stabilimento balneare 13 di Falconera, quando sono state avvistate al largo quattro turiste in seria difficoltà, impossibilitate a raggiungere le boe di salvataggio data la presenza di una corrente generata da un vicino canale. Fortunatamente, però, sul luogo era presente Marco Ceccon, un volontario della Scuola Italiana Cani da Salvataggio.

L’uomo si è prontamente gettato in acqua insieme alla sua compagna Dafny e a un altro collega bagnino. Raggiunte le donne, una è stata caricata sul barchino in dotazione e l’altra presa in custodia dai bagnini, mentre la Doberman ha trascinato a riva le due rimanenti giovani soccorse. Un lieto fine per quella che sarebbe potuta essere una vera e propria tragedia, scongiurata dalla forza e dal senso del dovere dell’amico a quattro zampe.

Ancora una volta, i cani sono protagonisti di azioni esemplari di salvataggio. Il loro ruolo, ad esempio, è stato fondamentale per il recente terremoto in Emilia Romagna, dove hanno lavorato incessantemente per giorni per scovare eventuali individui rimasti intrappolati dal crollo degli edifici. E chissà che questa storia commovente non sia d’esempio proprio a un paese come la Romania, recentemente coinvolto dalle polemiche sulle barbarie inferte ai cani randagi.

2 luglio 2012
Lascia un commento