Un animale fedele e tenace, quello che da cinque anni attende fuori di casa il ritorno del proprietario. Non una storia di abbandono, ma la conseguenza di una morte prematura che ha lasciato il cane solo e senza più affetti. Così da cinque anni il quadrupede attende fuori dal cancello che il suo amico umano ricompaia, per poterlo finalmente riabbracciare. La storia dell’animale ha colpito i media locali che hanno amplificato la notizia, trasformandola velocemente in virale. Gli abitanti della cittadina di Malu Mare, in Romania, confermano le sue gesta: dal 2011 il quadrupede staziona davanti al cancello della dimora. L’abitazione, ormai disabitata, è completamente abbandonata.

Il povero cane non vuole cedere il suo posto, lasciare la scomoda collocazione che non contempla riparo alcuno. Ma attende speranzoso e triste che il suo proprietario apra nuovamente il cancello per farlo rientrare. La sua presenza impedisce l’ingresso nella dimora, l’animale la difende con lealtà senza risultare però aggressivo. I vicini di zona non conoscono la sua storia e non avevano molti legami con l’ex proprietario, ma nel tempo hanno fornito al cane riparo e cibo quotidiano. Ogni tentativo di ricollocarlo in un’altra casa o in una famiglia differente è stato per l’animale un forte disagio, tanto da spingerlo alla fuga per ritornare davanti al cancello.

Il sindaco della località conferma di non aver mai conosciuto un animale tanto fedele, con un atteggiamento di abnegazione così forte. A protezione della sua dimora il quadrupede simil Bobtail impedisce di far entrare estranei nella proprietà, da vero e coraggioso guardiano. Come ha suggerito un veterinario del posto, la soluzione migliore potrebbe essere quella di creare una cuccia e una protezione fuori dal cancello, senza sradicare l’animale dal posto per non farlo soffrire. Garantendogli così un riparo ma anche cibo e acqua ogni giorno. Allontanarlo da un luogo carico di significato e amore per lui sarebbe un dolore troppo grande da sopportare. Una soluzione che, per il momento, andrebbe evitata.

5 maggio 2016
Fonte:
Lascia un commento