È stato salvato grazie al crowdfunding online, a cui hanno partecipato anche alcune celebrity a stelle e strisce. Todd, un cagnolino un tempo appartenuto a Justin Bieber, potrà presto sottoporsi a un costoso intervento per correggere una displasia degenerativa all’anca, tornando così a correre. Eppure, nonostante il lieto fine, sui social network non si placano le polemiche.

Todd, un esemplare di Chow Chow di soli 7 mesi d’età, pare sia stato adottato da cucciolo dal cantante Justin Bieber. Dopo solo sei mesi, tuttavia, la popstar avrebbe deciso di consegnare il cane alle cure di uno dei suoi ballerini, C.J. Salvador, poiché impossibilitato ad accudirlo a causa della sua agenda ricca di impegni. Preso in carico il quadrupede, il ballerino si è accorto di alcuni problemi di salute, che impedivano al cucciolo una corretta deambulazione. Effettuate tutte le visite necessarie, è emerso come il cucciolo sia affetto da una forma degenerativa di displasia dell’anca, tanto da necessitare un costoso intervento da 8.000 dollari.

=> Scopri la vicenda della scimmia di Justin Bieber


Grazie all’apertura di una campagna di raccolta fondi, resa possibile dalla piattaforma GoFundMe, il giovane è riuscito a raccogliere il denaro necessario per sottoporre l’animale al delicato intervento. A donare non solo amici e parenti, nonché i fan della popstar, ma anche alcune celebrity come Jaden Smith, figlio di Will Smith.

Sebbene il ballerino abbia rimarcato come la responsabilità non sia del famosissimo cantante, la vicenda ha generato un certo chiacchiericcio sui social network, anche fra i fan più sfegatati. Già in passato, infatti, Justin Bieber è stato oggetto di critiche per questioni legate ai suoi animali domestici. La più famosa è certamente la vicenda legata alla sua scimmietta, bloccata alla dogana tedesca data l’assenza della documentazione idonea per l’entrata nella nazione e mai più ritirata dalla popstar. Ma anche un recente scatto in compagnia di una tigre, immagine ripresa durante una festa diurna e capace di sollevare le proteste dell’universo animalista.

10 gennaio 2017
Fonte:
Via:
Lascia un commento