Una storia di dolore e di tradimento, quella vissuta in prima persona dalla cagnolina Cookie, un esemplare di razza Cocker Spaniel di circa 9 anni di età. Trovata abbandonata per le strade di San Bernardino in California, in compagnia di un cucciolo di Labrador di un anno, era stata condotta presso il canile di zona. Il personale aveva così scoperto che tutti e due gli animali, chiusi all’interno dello stesso box, appartenevano a un solo proprietario. Scappati di casa insieme oppure smarriti, erano finiti a vagabondare in coppia senza una vera meta e in preda all’ansia dell’abbandono.

La famiglia di appartenenza era quindi giunta al canile, ma aveva deciso di riportare a casa solo il Labrador, sostenendo di non potersi più occupare delle spese mediche di Cookie. Troppo onerose e pesanti per il nucleo familiare. Abbandonata senza ritegno, la povera cagnolina aveva visto la sua famiglia allontanarsi per sempre, portando via con se solo l’esemplare più giovane. Grida e pianti strazianti avevano accompagnato l’uscita dei proprietari dalla struttura, un dolore che aveva colpito al cuore tutto il personale del canile.

La sua vicenda aveva fatto il giro del web catturando l’attenzione di Lynn Hamilton del rifugio OC Small Paws So UT, che si era precipitata a trarla in salvo. Dopo una visita accurata, il veterinario aveva scoperto 12 tumori non curati, ma anche la vera età della cagnolina: 15 anni. Se non fosse stata recuperata da Lynn probabilmente Cookie sarebbe stata soppressa, come capita purtroppo spesso nei canili americani. Ma per l’anziana quadrupede la vita ha concesso una seconda possibilità: dopo essere stata operata si gode la degenza presso il rifugio che è divenuto la sua nuova casa. Presto verrà sottoposta a un secondo intervento, utile a rimuovere le ultime masse tumorali, ma nel giro di un mese il cane è passato dall’abbandono a una vita più amorevole. Circondata dall’affetto dello staff e dei veterinari del rifugio ora può finalmente rilassarsi e sorridere.

15 febbraio 2016
Fonte:
I vostri commenti
lui la plume, martedì 16 febbraio 2016 alle1:59 ha scritto: rispondi »

operato ... sapevamo che non sarebbe sopravvissuto ... ma è tornato nella sua casa su un materasso nel suo cortile ... perche 84 kg non si spostano facilmente .... e stato in compagnia fino a notte fonda .. la sua veterinaria è passata a trovarlo ... ed è spirato ... con le persone amate accanto. è poi stato cremato ..... ciao ...

Lascia un commento