Il cane Xiao Wang ha visto aumentare il numero e la tipologia della sua cucciolata: da tre esemplari a cinque cuccioli, comprese due tigri. Un’incredibile anomalia che ha salvato i piccoli felini dopo il rifiuto della madre naturale. A stabilire il nuovo contatto sono stati gli operatori dello zoo di Hangzhou in Cina, preoccupati per le sorti dei due cuccioli di tigre siberiana. Ma questo non è il primo tentativo, perché già nel 2010 lo zoo ha creato un collegamento tra un cucciolo di tigre, rifiutato dalla madre, e una cagnolina reduce da un parto.

Molte situazioni simili si sono susseguite nel tempo, garantendo la salvezza a un gran numero di esemplari orfani. L’inserimento di questi due ultimi cuccioli di tigre ha favorito la loro salvezza, ma anche una sorta di prevaricazione sugli esemplari di cane. Ovviamente la richiesta di cibo è differente, perché le piccole tigri ingurgitano 9 chilogrammi di alimenti giornalieri, il fabbisogno base per la loro sopravvivenza.

Questo però incide sul diritto di prelazione dei cagnolini, spesso scansati dalle tigri stesse. Vista la predisposizione all’estinzione della specie, e la delicatezza che caratterizza la loro sopravvivenza, lo zoo sta agendo positivamente per la salvaguardia di questi temerari felini. La difficile proliferazione in natura, mista alla caccia e al bracconaggio, mettono in difficoltà la vita della tigre.

Il pericolo estinzione è un argomento caldo, spesso al centro di battaglie e campagne mediatiche, perché la tigre rischia costantemente la vita. Cercare di preservare la sua progenie è quindi un imperativo importante, da perseguire con ogni mezzo possibile. Compreso l’allattamento da parte di specie diverse, come nel caso del cane Xiao Wang e della sua cucciolata. Un’incredibile possibilità per garantire la salute e la continuità di una specie, quella della tigre siberiana, che vede di giorno in giorno diminuire il numero di esemplari fra le proprie fila.

24 dicembre 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Immagini:
I vostri commenti
Jennifer, giovedì 2 gennaio 2014 alle21:53 ha scritto: rispondi »

Qualcuno ha notato che il cane è legato?

Lascia un commento