La crisi di questo ultimo decennio ha condizionato la vita di molte famiglie, che hanno dovuto lasciare averi e abitazioni. Ma anche rinunciare ad animali di affezione, finiti tristemente in canile in attesa di una nuova chance. Ed è ciò che è accaduto al povero Smokey, accompagnato dai suoi familiari presso il Franklin County Dog Shelter & Adoption Center in Ohio, costretti a rinunciarvi dopo aver perso la casa di proprietà. Il cucciolone di quattro anni, dal manto bianco e con una significativa macchia nera sull’occhio, è un bellissimo esemplare di razza molosso. All’improvviso ha perso tutto ciò che contava nella sua vita, cadendo in uno stato di profondo sconforto e frustrazione. Al suo fianco, unico compagno di sempre, il suo peluche a forma di elefante, che la famiglia ha consegnato al canile per rendere meno dolorosa la sua permanenza.

La nuova condizione ha stravolto l’animo di Smokey, visibilmente nervoso, confuso e spaesato. E in breve tempo, dal momento della consegna in canile il giorno di San Valentino, il cane è finito in isolamento e in lista soppressione. La sua reazione nei confronti dei visitatori, sempre tesa e nervosa, è stata considerata negativamente, tanto da perdere la chance per un’adozione. Ma il team di I Have A Dream Rescue Organization si è interessato alle sue sorti, recuperandolo dal canile per offrirgli un nuovo cammino. Ovviamente il cane è stato trasferito con tanto di peluche al seguito, che la sua famiglia ha espressamente richiesto di inserire nel pacchetto adozione.

=> Scopri tutto sull’American Pit Bull Terrier


In poco tempo Smokey, con amore e cure, ha perso le sue paure dimostrando la sua vera indole. In tutte le immagini proposte dal nuovo centro il cane appare sorridente e felice, mentre gioca con il suo peluche e si concede un po’ di coccole. Dopo un periodo in affidamento, durante il quale potrà recuperare la sua sicurezza e la serenità persa, il quadrupede verrà inserito nuovamente in lista adozioni. Oppure, se ci saranno i presupposti, verrà riscattato dalla sua famiglia.

8 marzo 2017
Fonte:
Lascia un commento