Esercizio fisico e dieta sana possibili rimedi naturali contro il tumore all’utero. Secondo il rapporto diffuso dal World Cancer Research Fund una costante attività di allenamento e un regime alimentare corretto possono contribuire a ridurre i rischi legati a questa grave patologia. Un ulteriore aiuto potrebbe arrivare secondo gli esperti da un regolare consumo di caffè.

Ridurre il rischio di tumore all’utero sarebbe possibile con almeno 30 minuti di esercizio fisico al giorno e un’alimentazione che consenta di tenere il peso corporeo sotto controllo. Secondo quanto riferisce l’autore dello studio, la Dr. Teresa Norat dell’Imperial College:

Se sei fisicamente attiva e se non eccedi nel peso corporeo puoi ridurre il rischio di tumore all’utero e migliorare in generale il tuo stato di salute.

Nella forma del Carcinoma endometriale o cancro del rivestimento dell’utero, questa patologia colpisce un elevato numero di donne britanniche. Nel solo Regno Unito questo tumore rappresenta la quarta più diffusa tipologia di forma tumorale. Una forma ancora piuttosto sottavalutata dalle cittadine di Sua Maestà, che seguono uno stile di vita salutare solo nel 56% dei casi e solo per il 39% risultano normopeso.

Lo studio presenta inoltre alcuni dati relativi alla potenziale riduzione del numero di donne colpite dal tumore all’utero, circa 3.700 qualora svolgessero attività fisica giornaliera per 38 minuti e tenessero il loro peso sotto controllo.

Un altro aiuto secondo il World Cancer Research Fund verrebbe infine dal caffè, che sembra aver mostrato una buona capacità di riduzione del rischio di tumore all’utero. Proprietà definite dai ricercatori “interessanti”, ma che non dispongono di sufficienti prove perché ne venga consigliato il consumo come strumento di prevenzione. Come riferisce il direttore del World Cancer Research Fund Executive Karen Sadler:

La prova riguardante le proprietà protettive del caffè è molto interessante e rappresenta un’ulteriore indicazione del potenziale legame tra il caffè e il rischio di sviluppare il cancro, ma molto lavoro deve essere ancora fatto. Noi abbiamo bisogno di considerare i possibili effetti su altre forme di cancro così come l’impatto che potrebbe avere sulle condizioni di salute generali e al momento stiamo guardando a future ricerche su questi aspetti.

12 settembre 2013
Lascia un commento