Canapè vegetariani: ricette

Le ricette di antipasti vegetariani non sono mai abbastanza. Sono stuzzicanti, non saziano e sono perfette sia per chi ha abbracciato una scelta etica di tipo vegetariano o vegano, ma anche per chi è onnivoro: non si tratta semplicemente di un’opzione salutista per questi ultimi, ma anche di gusto, perché può essere assaggiata tutta una serie di alimenti, il cui mix risulta inevitabilmente un’esplosione di sapore.

Tra le ricette per antipasti vegani o vegetariani ci sono sicuramente i canapè: si tratta di finger food piccoli e a strati, i cui ingredienti si fondano su una base, qualcosa di cremoso che possa ammorbidire la base ma non troppo e altri alimenti che non siano semplicemente un decoro ma fungano anche da completamento alla commistione di sapori, per cui è necessario che stiano bene insieme.

La base del canapè

Si parta quindi dalla base, che deve essere realizzata con prodotti vegetariani o vegani, secondo la propria scelta. Si può andare dal pane ai crackers realizzati solo con grassi di natura vegetale, fino alle gallette di riso o di riso integrale: queste ultime sono tra le migliori per quanto riguarda il gusto, perché di per sé non hanno molto sapore, ma ne acquisiscono secondo gli ingredienti che vengono utilizzati. Come base si possono anche usare ingredienti di natura vegetale tout court, come delle fette di melanzane grigliate o quarti di peperoni dolci, rossi o gialli, grigliati, o anche dei germogli di cicoria cruda a cui sono stati tolte le foglie e sono stati tagliati a metà.

La salsa o la crema da usare

Si passa quindi alla scelta di una salsa o di una crema. Per i vegetariani vanno bene salse come maionese, salsa rosa o salsa tartara (ma bisogna prestare attenzione all’acquisto, che non contengano amido modificato). In alternativa possono essere preparate in casa. Anche un formaggio cremoso o del gorgonzola possono andar bene, soprattutto per cicorie o crackers. Chi è vegano può invece realizzare da sé un’ottima crema frullando insieme tofu e frutta o verdura, come per esempio avocado, mango, ma anche peperoni, melanzane, carote e via dicendo.

Le decorazioni

Il tutto va decorato con pezzetti di ortaggi a proprio piacimento, come rondelle di carote, rape a julienne, olive verdi o nere, pomodorini tagliati a metà o a forma di fiore, ma anche formaggi vari, se non si è vegani: consigliabili i tocchetti di pecorino locale, l’Asiago e l’emmenthal che è una sorta di passe partout per via del suo sapore molto dolce.

10 aprile 2014
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento