Camminare per 20 minuti al giorno può aiutare a vivere più a lungo. Un po’ di semplice esercizio fisico aiuta a migliorare la salute dell’organismo restituendo alcuni anni “perduti”, a sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori della Cambridge University.

Circa 334 mila gli individui coinvolti nello studio britannico, durante il quale sono stati analizzati gli opposti effetti sulla salute di una vita fortemente sedentaria e di una più attiva e sportiva. In particolare una camminata di almeno 20 minuti ogni giorno garantirebbe, secondo la ricerca della Cambridge University, una riduzione della mortalità prematura di quasi un terzo.

Tutti i partecipanti hanno tratto giovamento dall’esercizio fisico, compresi coloro che erano affetti da obesità: mentre però i primi si sono spinti fino a una riduzione del 30%, i secondi hanno ottenuto un minore, seppur rilevante, 16%. Come ha spiegato uno degli autori principali dello studio, pubblicato sull’American Journal of Clinical Nutrition, il Prof. Ulf Ekelund:

Questo è un messaggio semplice: è sufficiente una ridotta quantità di attività fisica per ottenere benefici sostanziali per la salute delle persone fisicamente inattive.

Camminare 20 minuti aiuterebbe inoltre a bruciare tra le 90 e le 110 calorie, un ulteriore aiuto per mantenersi in forma controllando il proprio peso. Secondo quanto ha commentato il Prof. Nick Wareham, direttore del Medical Research Council epidemiology unit presso la Cambridge University:

Aiutare le persone a perdere peso può essere una vera sfida e mentre dobbiamo continuare a puntare verso la riduzione dei livelli di obesità nella popolazione, promuovere interventi che incoraggino la gente a produrre piccoli cambiamenti per ottenere piccoli, ma raggiungibili risultati per quanto riguarda l’attività fisica può portare benefici significativi nella salute che potrebbero rivelarsi più facili da raggiungere e mantenere.

15 gennaio 2015
Fonte:
Lascia un commento