Una scena raccapricciante quella che ha colpito e turbato i passanti di Fuzhou, nella provincia del Fujian, nel sud-est della Cina. Due mendicanti sdraiati a terra, accompagnati da un cammello con le zampe amputate: non una disgrazia, ma un’azione perpetrata di proposito. Secondo gli attivisti, in Cina sta prendendo piede la triste moda di mutilare gli animali per chiedere soldi e carità. Una scelta mirata per spingere la gente a donare denaro con più facilità.

Purtroppo la realtà di Fuzhou è solo una delle tante diffuse in tutta la Cina, attività illecita e crudele che sfugge ai controlli della Polizia. Le forze dell’ordine non possono nulla contro azioni di questo genere, perché la legge non prevede punizioni di sorta. I due mendicanti intercettati pare siano stati visti molte volte volte in compagnia del povero cammello, sin dal mese di aprile. Secondo alcune testimonianze, l’animale rimarrebbe sempre alle loro spalle mostrando l’assenza delle estremità.

La scelta di mutilare gli animali, purtroppo molto di moda, avrebbe preso il posto delle amputazioni fino a ora inferte agli uomini stessi. Pratica crudele e barbara da tempo in voga per stimolare la popolazione a donare soldi. A quanto pare, la presenza del cammello garantirebbe entrate certe e cospicue: la coppia, interrogata dalla Polizia, avrebbe assicurato di aver trovato l’animale investito da un treno. Quindi di averlo curato e accudito, i soldi richiesti sarebbero per le sue cure. Ma le forze dell’ordine sono certe che l’animale avrebbe subito violenza deliberata. Secondo l’attivista Xiong Kung:

Le ferite agli arti del cammello sono vecchie, l’animale è stato mutilato tempo fa. Le quantità di soldi raccolti sono tanti e la gente sconvolta dalla visione è pronta a donare, ma così facendo premia la violenza inflitta al cammello. La Polizia non può molto, solo multe per accattonaggio, fino a quando non verranno introdotte leggi più severe.

La problematica è legata all’assenza di leggi più incisive e punitive nei confronti di azioni di questo tipo, atti violenti che stanno mettendo in seria difficoltà la presenza dei cammelli. Questi animali così delicati e sensibili, già in numero esiguo, rischierebbero l’estinzione. Come mostrano i due video, la cui visione è sconsigliata ai lettori troppo sensibili, spesso gli animali sono vittime di pestaggi e costrizioni, come ad esempio ingoiare bottiglie di plastica per catturare l’attenzione dei passanti.

6 novembre 2014
Fonte:
Lascia un commento