Cambiamento climatico, gli Europei lo temono più della crisi

Gli Europei non sottovalutano i rischi del cambiamento climatico, anzi lo considerano una delle minacce più gravi per l’umanità. Lo rivela l’ultimo sondaggio condotto nell’ambito di Eurobarometro, dedicato proprio alle principali “paure collettive” degli abitanti del vecchio continente.

Secondo l’indagine, realizzata lo scorso giugno ma pubblicata solo in questi giorni, due cittadini europei su tre considerano il climate change un problema “grave” e addirittura il 78% è convinto che affrontarlo in maniera seria potrebbe servire anche a migliorare la situazione economica e occupazionale del vecchio continente.

Proprio la crisi rappresenta l’altro grande spauracchio degli intervistati, che comunque dichiarano di temere ancora di più i problemi legati al cambiamento climatico. La preoccupazione sulle questioni ambientali risulta aumentata rispetto a un analogo sondaggio condotto nel 2009. In particolare, in una scala di gravità da 1 (minimo) a 10 (massimo), l’effetto serra ha ricevuto un punteggio mediodi 7,4, a fronte del 7,1 dello scorso anno.

Il 68% del campione considera addirittura il riscaldamento globale un problema “molto grave” (rispetto al 64% nel 2009), e solo la povertà, la fame e la mancanza di acqua potabile (indicate nel sondaggio come un unico problema) preoccupano maggiormente gli europei. Un intervistato su cinque, addirittura, ritiene che il cambiamento climatico rappresenti il problema più grave in assoluto.

Va da sé che la maggior parte dei cittadini europei si aspetta dall’Ue una svolta ambientalista nei prossimi anni, con l’adozione di politiche in grado di ridurre le emissioni di gas serra e tutelare i delicati equilibri climatici. La notizia di questa maggiore sensibilità verso i problemi ambientali è stata accolta con soddisfazione e senso di responsabilità da Connie Hedegaard, commissaria europea per il Clima.

Si tratta di notizie incoraggianti, questo sondaggio mostra che i cittadini d’Europa sono consapevoli che esistono altre sfide oltre a quelle economiche – ha dichiarato la commissaria Ue – Una chiara maggioranza di europei si aspetta che i responsabili politici e i leader economici affrontino seriamente e con urgenza la grave sfida posta dal clima.

Secondo Connie Hedegaard, l’indagine di Eurobarometro potrà rappresentare uno stimolo forte per l’azione politica delle istituzioni europee. “Questo sondaggio – ha aggiunto – costituisce un incoraggiamento anche per noi della Commissione, affinché continuiamo a lottare a favore di un’azione ambiziosa e concreta in materia di clima in Europa”.

11 ottobre 2011
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Silvano Ghezzo, martedì 11 ottobre 2011 alle22:45 ha scritto: rispondi »

Bisognerebbe convincere anche Stati Uniti, India e Cina, i maggiori inquinatori mondiali, che invece non hanno nessuna intenzione di farlo. 

Lascia un commento