I cambiamenti climatici potrebbero essere legati a un aumento di episodi di violenza in tutto il mondo, almeno secondo quanto affermato in uno studio condotto da alcuni scienziati americani.

Il rapporto è stato pubblicato sulla rivista Science e mette in correlazione l’aumento delle temperature con un’impennata di crimini violenti come omicidi, aggressioni fisiche e stupri, fino ad arrivare addirittura ai conflitti armati veri e propri.

Gli scienziati hanno osservato dei dati relativi a oltre un secolo e hanno notato una corrispondenza tra il clima e le azioni violente, come avvenuto ad esempio durante alcune ondate di caldo registrate in Nord America, o in concomitanza con periodi di siccità in India, dove furono evidenziati degli aumenti relativi a stupri, assassinii e azioni efferate in generale.

I cambiamenti climatici e il conseguente riscaldamento avrebbero causato anche gli scontri etnici in Europa, oltre alle guerre civili che hanno insanguinato l’Africa per parecchi decenni. Secondo Marshall Burke, della University of California, Berkeley:

Questo è un collegamento che si osserva attraverso il tempo e attraverso tutti i più grandi continenti del mondo. La relazione tra le variazioni climatiche e l’insorgere dei conflitti sono spesso molto ampie. Dobbiamo prestare attenzione a non attribuire la responsabilità di ogni singolo evento al clima in particolare, ma ci sono dei risultanti davvero interessanti.

Alcune possibili spiegazioni di questa relazione tra clima e violenza cercano di ricondurre il tutto ai cambiamenti delle condizioni economiche, in quanto l’aumento delle temperature porta, tra le sue conseguenze, anche il mutamento della produzione agricola con effetti diretti sulla disponibilità di cibo e di ricchezze in generale. C’è però anche una spiegazione fisiologica, secondo cui il clima caldo potrebbe indurre le persone a essere maggiormente inclini allo scontro, aumentandone l’aggressività.

In ogni caso, se le conclusioni dello studio dovessero essere fondate, le stime indicano che un aumento di 2 gradi centigradi della temperatura nel prossimo futuro potrebbe portare a un incremento del 15% circa di atti violenti.

2 agosto 2013
In questa pagina si parla di:
Fonte:
BBC
I vostri commenti
Silvano Ghezzo, venerdì 2 agosto 2013 alle23:55 ha scritto: rispondi »

Concordo per l'aumento dell'aggressività individuale, ma devo ricordare, come la Storia insegna, che le guerre e le rivoluzioni hanno principalmente un'origine economica, religiosa e specialmente per l'aumento della popolazione. La temperatura può invece influire in quanto generatrice di squilibri di risorse alimentari.

Lascia un commento