L’Italia sta affrontando quella in molti hanno già definito la settimana più calda dell’anno. L’arrivo dell’anticiclone africano Giuda ha portato le temperature italiane ben oltre le medie del periodo, dando vita a veri e propri fenomeni di afa indotti dagli alti livelli di umidità. Oltre i 35 gradi il livello di caldo stimato in alcune località italiane, con punte di 38 ad esempio nell’Emilia e nel basso Veneto.

=> Scopri cosa fare in caso di colpo di calore

Non va meglio alle grandi città, che durante questa settimana si troveranno a fronteggiare temperature tipicamente estive: 37 gradi la massima a Bologna, 35 a Milano mentre si arriverà a 33 gradi a Firenze e Roma. Il picco di “Giuda” è previsto durante la giornata di venerdì 16 giugno, data che corrisponderà inoltre con lo sciopero nazionale del trasporto pubblico indetto dai sindacati.

=> Scopri orari e modalità di sciopero previsti per il 16 giugno 2017

Trascorsa la giornata di venerdì l’anticiclone Giuda si sposterà verso la Francia, allentando così la sua morsa sull’Italia. Atteso per sabato e domenica un calo delle temperature di circa 5-6 gradi. Nei giorni di maggior caldo è opportuno difendersi al meglio per evitare possibili colpi di calore.

Contro il caldo è opportuno scegliere un’alimentazione varia e quanto più possibile ricca di frutta e verdura, così da assicurare all’organismo sali minerali e nutrienti essenziali per affrontare le alte temperature. Si dovrà inoltre bere molto, più di quanto si è abituati a fare durante il periodo invernale, arrivando se necessario anche a due litri d’acqua al giorno.

Evitare durante le ore diurne il consumo di alcolici e se possibile non uscire nelle ore più calde della giornata, solitamente tra le 11 e le 17. Indossare abiti leggeri e in tessuti traspiranti, prestando attenzione però anche ai possibili sbalzi di temperatura indotti dall’ingresso in aree chiuse sottoposte a climatizzazione.

Lavarsi spesso aiuta inoltre a rimuovere il sudore e gli agenti atmosferici/inquinanti dalla pelle, consentendole di respirare meglio. Per chi trascorre molto tempo in casa è bene ricordare che si dovranno tenere le finestre chiuse nelle ore in cui fa più caldo, aprendole una volta che le temperature si siano abbassate di qualche grado. Capitolo a parte merita l’auto, che dovrà essere arieggiata prima di entrarvi e dentro la quale non dovranno essere lasciati, a meno di impianto di climatizzazione attivo, persone o animali.

14 giugno 2017
Lascia un commento