Caldo: prosegue l’ondata record, massima allerta in 9 città

Prosegue l’ondata di caldo che sta interessando in questi giorni l’Italia. Il Ministero della Salute ha pubblicato un bollettino relativo alle ondate di calore nel nostro Paese, facendo notare che tra sabato 24 e domenica 25 giugno bisognerà prestare un livello di attenzione molto elevato. L’allerta è prevista soprattutto per nove città italiane, dove si potrebbero verificare condizioni di emergenza con conseguenze negative sulla salute.

=> Leggi cosa fare in caso di colpo di calore

Secondo il Ministero l’allarme non è solo per i soggetti più a rischio, come i bambini piccoli, gli anziani e le persone affette da malattie croniche. Conseguenze spiacevoli a causa del caldo in questi giorni potrebbero verificarsi anche in persone attive e sane.

Nei prossimi due giorni bisognerà fare attenzione alle alte temperature soprattutto a Bologna, a Brescia, a Torino, a Campobasso, a Perugia, a Pescara, a Bolzano, ad Ancona e a Firenze. In quest’ultima città si arriverà anche a 36 gradi. Il livello di afa è quello rosso, contrassegnato dal numero 3, che secondo il Ministero indica “condizioni ad elevato rischio” con la durata di più di tre giorni.

=> Scopri rischi e consigli utili per correre in estate con il caldo

Il caldo sta mettendo a dura prova il nostro Paese, con una nuova emergenza acqua. Molte zone italiane sono interessate dalla siccità da parecchio tempo. Il Consiglio dei Ministri ha dichiarato lo stato di emergenza nell’area di Parma e Piacenza, proprio a causa di una siccità che persiste da circa 9 mesi. Gli stessi problemi si registrano in Toscana e in Sardegna.

Le linee guida del Ministero della Salute consigliano dei comportamenti da attuare in caso di forte caldo. Si tratta di abitudini che possono ridurre gli effetti pericolosi delle ondate di calore sul nostro organismo. I consigli riguardano in particolare queste azioni da seguire:

  • non uscire di casa nelle ore più calde della giornata;
  • indossare vestiti leggeri e comodi;
  • non lasciare persone o animali nelle auto in sosta, anche se per poco tempo;
  • rinfrescare l’ambiente di casa o di lavoro;
  • bere molti liquidi;
  • mangiare tanta frutta e verdura;
  • fare pasti leggeri;
  • bagnarsi il viso e le braccia con acqua fresca, fare docce e bagni tiepidi;
  • prestare attenzione alle persone a rischio, specialmente se vivono da sole.

23 giugno 2017
Immagini:
Lascia un commento