A causa del caldo i consumi di frutta e verdura sono aumentati del 9,6% nel primo quadrimestre dell’anno in corso. È quanto sottolinea la Coldiretti, che ha realizzato un vero e proprio decalogo delle buone azioni da compiere per difendersi dal troppo calore e dai raggi solari. Tutti dovremmo seguire queste regole specialmente nelle ore più a rischio della giornata.

=> Leggi perché il caldo record diventerà la normalità nel 2025

Dovremmo cambiare le nostre abitudini, prestando attenzione allo stile di vita e all’alimentazione. È opportuno privilegiare il consumo di acqua e di cibi dal potere rinfrescante. Diamo spazio agli alimenti naturali, ricchi di sali minerali come calcio, potassio e ferro, ottimi per reintegrare i liquidi persi con la sudorazione.

=> Leggi le linee guida 2016 anti-caldo del Ministero della Salute

La Coldiretti consiglia anche di evitare l’esposizione ai raggi del sole da parte dei soggetti più deboli. Suggerisce anche il modo corretto di vestirsi per ridurre al minimo i disagi che può causare il forte caldo dei mesi estivi. Ecco il decalogo stilato dall’associazione:

  1. Indossare vestiti leggeri, meglio se di fibre naturali che permettono alla pelle di traspirare;
  2. Evitare di uscire nelle ore più calde della giornata e mettere in atto un’adeguata protezione con occhiali da sole e creme;
  3. Truccarsi in modo leggero;
  4. Fare spesso un bagno o una doccia con acqua tiepida e ogni tanto bagnare il viso e le braccia con acqua fresca;
  5. Non effettuare attività fisica all’aperto in particolare nelle ore con caldo più intenso;
  6. Chiudere le finestre nel corso della giornata e aprirle nelle ore più fresche;
  7. Non lasciare mai dentro l’auto al sole persone o animali;
  8. Bere spesso acqua, succhi e centrifugati naturali;
  9. Mangiare frutta e verdura di stagione (carote, albicocche, pesche, ciliegie, meloni) per reintegrare i sali minerali e per contrastare gli effetti dei radicali liberi;
  10. Non consumare cibi ricchi di sodio e piccanti (sale, paprika, pepe, curry).

13 giugno 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento