I cosiddetti calcoli renali sono un disturbo abbastanza frequente nella popolazione: coinvolgono l’intero apparato urinario e possono essere anche particolarmente dolorosi. Ma quali sono le ragioni della loro formazione ed esistono dei rimedi naturali utili per ridurre i tempi di guarigione?

I calcoli renali non sono altro che delle formazioni – comunemente e impropriamente definiti “sassolini” – dovute all’accumulo di sali minerali nei reni. La loro comparsa è segnalata da sintomi molto intensi, così come verrà spiegato nei prossimi paragrafi, e il trattamento non deve essere mai sottovalutato poiché le conseguenze potrebbero essere anche particolarmente gravi. Per questo l’automedicazione casalinga non è indicata: è necessario sempre vagliare il parere del medico curante e, se previsto, anche dello specialista.

Calcolosi renale: cause e sintomi

La calcolosi renale, detta anche nefrolitiasi, è una patologia caratterizzata per la formazione di agglomerati nei tratti dell’apparato urinario nel rene. Normalmente, sali minerali e altri composti – acido urico, colesterolo, calcio, ossalati, fosfasti – si legano l’un l’altro, formando progressivamente un corpo estraneo solido di dimensioni variabili.

Le cause possono essere le più svariate, anche se esistono dei fattori che predispongono al disturbo: una dieta poco ricca di frutta e verdura, lo scarso apporto giornaliero di acqua, urine particolarmente acide, ipertiroidismo, scorretto equilibrio dei sali minerali disciolti nel sangue. Non ultimo, la calcolosi colpisce più gli individui caucasici rispetto ad altre etnie, con una percentuale maggiore fra gli uomini.

Anche l’universo dei sintomi è variegato e dipende dal numero dei calcoli presenti, dalla loro grandezza, dalla sede e dall’eventuale spostamento. Normalmente si presentato dei dolori estremamente intensi su bassa schiena e addome – le cosiddette coliche renali – quindi si può manifestare dolore e difficoltà nella minzione, sangue nelle urine, febbre, nausea e vomito. La diagnosi avviene sia con la verifica dei sintomi che con opportune indagini strumentali, come l’ecografia addominale, l’urografia e la radiografia con mezzo di contrasto. Il trattamento medico prevede sia l’assunzione di appositi farmaci per facilitare lo scioglimento della formazione che, nei casi più gravi, l’eliminazione tramite intervento chirurgico.

Dieta e rimedi naturali

Una calcolosi renale non può prescindere dal trattamento farmacologico o chirurgico indicato dallo specialista, poiché l’alimentazione e i rimedi della natura non sono sufficienti per eliminare conseguenze anche gravi. Questi hanno semmai potere coadiuvante e devono sempre essere confrontati con il parere dell’esperto prima dell’assunzione.

Dal punto di vista alimentare, le indicazioni utili sono normalmente pratiche e poco privative. Si consiglia innanzitutto di bere almeno 2,5 l di acqua al giorno, perché un organismo ben idratato non solo previene la formazione dei calcoli, ma aiuta anche a sciogliere naturalmente quelli già presenti. È utile poi limitare il consumo di sale, preferendo spezie e altri condimenti oppure optando per quello iposodico, quindi evitare quei prodotti ricchi di acido ossalico. Fra i tanti le bibite gassate, gli spinaci, il cioccolato, le noci e le nocciole. Come facile intuire, si deve evitare il consumo di alcolici e sarebbe anche consigliato smettere di fumare.

Sul fronte dei rimedi naturali, sono molteplici i trattamenti fitoterapici che potrebbero essere d’aiuto per contrastare i calcoli renali. Si consiglia, tuttavia, di verificare ipersensibilità personali ed eventuali effetti avversi prima del consumo. Fra le tante proposte, si potrebbe optare per infusi di betulla dato il potere analgesico e antinfiammatorio, così come decotti di tarassaco, gramigna e tisane lenitive alla malva e camomilla. Allo stesso modo, anche ortica e tè verde possono stimolare le normali funzioni renali. Bisogna però tenere presente come queste erbe e le altre proposte ad effetto altamente diuretico, quali l’achillea, dovrebbero sempre essere valutate da un medico o da un nefrologo. Quando i calcoli sono importanti e le normali funzioni dell’apparato urinario ormai compromesse, stimolare ulteriormente depurazione e minzione potrebbe portare a effetti opposti a quelli sperati. Il calcolo, infatti, potrebbe spostarsi dal rene ai tratti successivi, provocando dolore molto intenso, infezioni e possibili lesioni.

5 ottobre 2014
I vostri commenti
nuccia, martedì 20 ottobre 2015 alle19:52 ha scritto: rispondi »

potrei sapere come si chiama questa acqua?

armando, domenica 4 ottobre 2015 alle19:33 ha scritto: rispondi »

Anchio avevo i tuoi stessi disturbi ,sono guarito con un acqua termale delle mie parti San Carlo a Massa, e veramente efficace per i calcoli in una settimana gia si vedono risultati si trova anche in farmacia

giancarlo, domenica 13 settembre 2015 alle1:20 ha scritto: rispondi »

ma queste foglie di origano si trovano in erboristeria io cto lottando con questo calcolo che è di sette mm le ho provate tutte o dei dolori lancinanti adesso mi hanno consigliato di bere questa acqua che si chiama essenziale spero coni perche la fiuggi e l'uliveto non mi hanno fatto nulla provero a cercare questo origano poi vi faro sapere per il momento grazie del consiglio

madigife, martedì 16 giugno 2015 alle6:32 ha scritto: rispondi »

grazie del consiglio però nel mio caso non credo che possa funzionare essendo portatrice di calcoli si riformano di continuo ,subisco un intervento ogni 2 o3 anni è il mio rene si è rimpicciolito molto la funzionalità e di 75mm. Se ci fosse un rimedio che non si possono riformare sarebbe meglio, mi hanno sempre consigliato di bere molta acqua Fiuggi ma non è servita a niente sto molto attenta nell' alimentazione ma non funziona

Patrizio, domenica 24 maggio 2015 alle15:08 ha scritto: rispondi »

Grazie del tuo consiglio, Arnaldo, e soprattutto grazie per aver condiviso questa antica e preziosa conoscenza. Lo proverò certamente! So che in moltissime zone d'Italia esistono sorgenti che forniscono acqua che ha lo straordinario potere di sciogliere letteralmente i calcoli. Molte sono in abbandono, altre vengono dimenticate. La litotrissia è un prezioso strumento d'emergenza, ma i rimedi naturali sono spesso innocui, indolori, preventivi, disponibili ovunque e... non costano nulla al sistema sanitario! Sarebbe il caso di recuperarne la memoria!

Lascia un commento