Cagnolino trovato chiuso in una valigia

Una vicenda dai contorni foschi, quella che ha visto coinvolto un piccolo cagnolino di razza Barboncino, abbandonato miseramente nei pressi di un parco naturale. Il quadrupede è stato scoperto da un passante che si stava dirigendo verso il Parco Naturale di Richmond, vicino a Vancouver, in Canada. Mentre si godeva il verde e il fresco, l’avventore del luogo ha udito un lamento incessante, un pianto misterioso proveniente da un fossato. Voltando lo sguardo ha scoperto un valigia gettata senza ritegno nello stesso. Allarmato si è diretto verso l’oggetto che, chiuso a doppia mandata, è stato aperto con un po’ di fatica. Al suo interno, con amara sorpresa, è stato rinvenuto un piccolo cagnolino color miele
.

L’esemplare, spaventato e angosciato dallo spazio ristretto, era ricoperto di feci e urina. L’impavido salvatore ha così recuperato l’animale, conducendolo presso la propria abitazione per tranquillizzarlo, rifocillarlo e abbeverarlo. Una segnalazione alla Richmond RCMP ha permesso il coinvolgimento della Richmond Animal Protection Society (RAPS), struttura che si adopera per il recupero e la salvaguardia degli animali di zona. Il cane, ribattezzato Donut, è stato accolto dal rifugio che si è subito prodigato in cure e visite.

=> Scopri il Barboncino Nano

Eyal Lichtmann, della RAPS, ha confermato l’abbandono del cane che potrebbe avere sei anni. La clausura imposta è durata solo qualche ora, l’abbandono era recente, ma è bastato al piccolo per patire l’ansia, la costrizione imposta dallo spazio piccolo e il caldo della giornata pre-estiva. Se non fosse intervenuto casualmente l’anonimo salvatore, la situazione avrebbe avuto un esito differente.

=> Scopri il Barboncino cieco abbandonato

La RAPS invita la popolazione a consegnare gli animali presso il centro, anziché abbandonarli pericolosamente per strada. Se vi è l’impossibilità di prendersene cura è bene mettere in atto un gesto caritatevole, affidando i quadrupedi di affezione al canile senza costringerli a una vita di miseria e sofferenza. L’abbandono è un gesto pericoloso e, come nel caso di Donut, avrebbe potuto trasformarsi in una condanna. Il piccolo, ora amato e coccolato, è pronto per una nuova casa e una positiva adozione.

6 giugno 2017
Fonte:
CBC
Lascia un commento