Caffè: 10 motivi per cui sceglierlo

Il caffè negli ultimi anni è stato oggetto di un crescente numero di studi. Dopo essere stato a lungo guardato con sospetto a causa della sua azione ipertensiva e per il sospetto che alcune delle sue componenti fossero nocive per la salute della vescica. Teoria recentemente contraddetta dall’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha smentito la cancerogenicità della bevanda.

=> Scopri proprietà e controindicazioni del caffè

Sia che siate dei veri e propri amanti del caffè che ne siate consumatori più “timidi”, ecco 10 motivi che potrebbero spingervi ad amare ancora di più la popolare bevanda. Se non avete ancora provato una “tazzina” magari qualcuna delle prossime indicazioni potrebbe darvi quello stimolo in più per provare.

  1. Aiuta a perdere peso – Il caffè può essere un ottimo alleato per chi vuole dimagrire, sia perché aumenta la termogenesi, che per la sua capacità di ridurre l’appetito. Se è consumato prima di allenarsi favorisce un maggiore consumo di grassi, a sostenerlo uno studio del 2017 dell’Università di São Paulo in Brasile.
  2. Il caffè protegge le arterie coronariche dalle possibili occlusioni innescate dall’aterosclerosi. Secondo lo studio condotto dal Kangbuk Samsung Hospital di Seul basterebbero 3 tazzine al giorno per ottenere i preziosi benefici.
  3. Un pari quantitativo di caffè aiuta a ridurre la mortalità in caso di malattie renali anche del 22% secondo i ricercatori del North Lisbon Hospital Centre di Lisbona.
  4. Protegge il fegato – I benefici per quest’organo sono diversi, a cominciare dalla capacità del caffè di offrire un aiuto a chi soffre di steatosi epatica non alcolica (NAFLD), malattia epatica che raccoglie diverse patologie come il fegato grasso o steatosi epatica, la NASH o steatoepatite non alcolica, fino al più avanzato stadio rappresentato dalla cirrosi. A sostenerlo uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Napoli e presentato nel 2016. Secondo uno studio dell’Università di Southampton il caffè ridurrebbe il rischio di carcinoma epatocellulare del 20% con un consumo normale (circa 3 tazze al giorno, bevendone 5 tazze al giorno si ridurrebbe il rischio del 50%).
  5. Aiuta a riposare meglio – Se ben assortita l’accoppiata riposo e caffè potrebbe rivelarsi sorprendentemente positiva. Almeno secondo quanto affermato dei ricercatori della Loughborough University, nel Regno Unito, secondo i quali far precedere una tazza di caffè al proprio riposo migliorerebbe le capacità di recupero. In sostanza bere una tazzina appena prima di dormire non impedirebbe di prendere sonno, in quanto il caffè entrerebbe realmente “in azione” dopo 20 minuti dal consumo. Questo porterebbe a rilasciare i propri effetti durante il sonno, rimuovendo l’adenosina (responsabile del senso di stanchezza) dal cervello, con il risultato di consentire ai consumatori di svegliarsi più reattivi ed energici.
  6. Demenza e Alzheimer – Diversi studi affermano che il caffè sia efficace nel prevenire la demenza, come ad esempio quelli condotti dalla Indiana University Bloomington e dalla University of Wisconsin-Milwaukee. Quest’ultima in particolare sostiene che tre tazzine al giorno possano ridurre i rischi anche del 36%. Secondo i ricercatori dell’Università Aldo Moro di Bari, dell’IRCCS “Casa Sollievo della Sofferenza” di San Giovanni e dell’ISS (Istituto Superiore di Sanità) di Roma il caffè è inoltre efficace anche nella prevenzione dell’Alzheimer.
  7. Energizzante – Il caffè è un efficace stimolatore dell’attività cardiaca e nervosa, aiutando l’organismo a essere più reattivo ed energico. Alcune ricette possono enfatizzare la sua azione energizzante, ad esempio aggiungendo alla bevanda un po’ di cannella, del cacao o dello zenzero.
  8. Melanoma – Secondo uno studio del Dipartimento di ricerca sulla salute del governo USA il caffè risulterebbe efficace anche nella prevenzione di uno dei tumori più pericolosi e mortali, quello della pelle. Sono indicate nello specifico dosi pari a un massimo di 200 mg di caffeina per assunzione singola e di 400 mg nell’arco dell’intera giornata.
  9. Prevenzione tumore alla prostata e al seno – Uno studio dell’IRCCS Neuromed di Pozzilli – Isernia (Molise) ha indicato un consumo di 3 o più tazzine di caffè al giorno una riduzione del rischio di tumore alla prostata del 53%. Sarebbero invece sufficienti due tazzine, secondo i ricercatori svedesi della Lund University, per ridurre della metà le eventualità di sviluppare un tumore al seno.
  10. Alternativa naturale al viagra – Il caffè potrebbe rivelarsi un aiuto naturale anche per migliorare l’intimità di coppia secondo Alessandro Palmieri, presidente Sia e docente presso l’Università Federico II di Napoli. Il consumo di questa bevanda viene ritenuto dagli esperti napoletani in grado di contrastare la disfunzione erettile.

29 novembre 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento