Budelli tornerà in mani pubbliche. Questo dovrebbe essere l’epilogo per l’isola dell’arcipelago della Maddalena, una vicenda che da mesi sta agitando il mondo ambientalista (e non solo) generando anche aspre contrapposizioni. Giuseppe Bonanno, presidente dell’Ente Parco Nazionale dell’Arcipelago de La Maddalena, ha depositato oggi gli atti richiesti per esercitare il diritto di prelazione sull’isola.

Soddisfazione per l’epilogo della vicenda è stato espresso da Alfonso Pecoraro Scanio, ideatore della raccolta firme #salviamobudelli su Change.org a favore di Budelli, che ha raccolto oltre 100.000 firme:

Il Parco nazionale della Maddalena esercitando la prelazione ha fatto il suo dovere istituzionale. Questo è un successo per l’ambiente ma anche per la dignità nazionale di un’Italia che deve puntare sulle proprie eccellenze anche naturali .Ora mi aspetto che si superino le polemiche e si lavori ,con grande collaborazione istituzionale e civile, a sostenere il Parco Nazionale negli ulteriori adempimenti e nella migliore tutela e valorizzazione di questa isola unica” ha aggiunto Pecoraro Scanio.

Budelli dunque si appresta a tornare bene comune.

7 gennaio 2014
Lascia un commento