Brucellosi: nuovo allarme per le bufale in Campania

È un nuovo allarme brucellosi quello che è stato diffuso in Campania e che riguarderebbe le bufale. Già nel marzo scorso erano stati individuati dei focolai di brucellosi e di tubercolosi ed era scattato un piano di prevenzione.

Gli esperti hanno parlato di massima allerta, perché la brucellosi è una malattia infettiva che si può trasmettere dagli animali all’uomo attraverso il consumo del latte. Altri allarmi di questo genere erano già scattati negli anni precedenti. Molti ricordano un episodio del 2007, quando si notarono alcuni sintomi che fecero pensare ad una vera e propria epidemia. In particolare sugli animali si notavano aborti spontanei e irritazioni sul corpo.

=> Leggi l’allerta listeria per alcuni lotti di mozzarella di bufala

Allora fu istituito anche un commissario regionale per gestire la situazione, per fare controlli più accurati e disporre gli abbattimenti degli animali dove fosse necessario. Si fecero dei controlli molto precisi anche sulla produzione di mozzarella.

Dal 2007 al 2009 sono state abbattute 40 mila bufale e sono stati disposti risarcimenti per un totale di 50 milioni di euro sulla base dei finanziamenti europei. La brucellosi è una malattia che può essere trasmessa all’uomo soprattutto attraverso il consumo di prodotti derivati dal latte che non vengono sottoposti a un processo di pastorizzazione.

Il consumo di carni non può essere considerato un fattore di rischio molto significativo. La malattia batterica si può trasmettere anche attraverso un contatto diretto con materiale biologico o con animali infetti.

9 ottobre 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento