È già diventato l’ennesimo idolo dei social network, con migliaia di condivisioni e apprezzamenti su Facebook e Twitter. Protagonista dell’ultima tornata virale è un cane, Brody, dalla singolare capacità: è in grado di abbaiare sottovoce. Il video della sua impresa ha stupito i navigatori, pronti a eleggere il quadrupede come uno dei più intelligenti mai apparsi sul Web.

Il filmato che lo vede protagonista è breve, ma assolutamente significativo. Il cane, un meticcio dal manto scuro, segue fedelmente gli ordini della sua proprietaria, dimostrando un animo perfettamente educato. Basta uno “speak” per farlo abbaiare, ma l’elemento straordinario è però un altro: quando la proprietaria riduce il tono della voce, anche l’animale scodinzolante fa altrettanto. Fino a bisbigliare, una caratteristica decisamente insolita per gli amici a quattro zampe.

La proprietaria Holly Stephens, un’insegnante nella cittadina texana di Woodlands, ha così commentato le doti del suo simpatico cane dalle pagine di ABC News:

Brody è come un umano. È così dolce e intelligente, nonché estremamente educato. […] È l’insegnante che c’è in me. Volevo essere in grado di dire ai miei studenti che, se un cane può imparare ad abbaiare sottovoce, possono farlo anche loro.

Sembra che l’addestramento di Broody non abbia richiesto enorme impegno, né sacrifici: il cane ha imparato questo trucco vocale in circa un’ora. Tutto merito della sua straordinaria intelligenza nonché perspicacia, che permette all’animale di interpretare molti dei suoni umani. Secondo quanto riferito dalla proprietaria, infatti, il quadrupede comprenderebbe anche la parola “gentilmente” e, di conseguenza, adeguerebbe il suo comportamento in base all’ordine impartito.

Brody, di cinque anni d’età, non è però l’unico animale dalle straordinarie capacità di comunicazione. Qualche settimana fa è salita agli onori della cronaca la storia di un gruppo di gatti domestici, pronti a recepire parole elementari del linguaggio dei segni per comprendere una donna non udente.

15 maggio 2015
Fonte:
Lascia un commento