Dai broccoli un aiuto naturale nelle prevenzione di stress e Alzheimer. A sostenerlo lo studio presentato dal professor Paolo Costantino, docente di biologia molecolare presso l’Università La Sapienza di Roma, durante le giornate inaugurali del SapiExpo, manifestazione legata al prossimo Expo2015.

Elemento chiave delle proprietà benefiche dei broccoli gli antiossidanti, presenti in grande quantità soprattutto nei germogli. Effetti che garantirebbero un’azione preventiva contro la degenerazione cognitiva legata all’Alzheimer e lo stress ossidativo:

I comuni broccoli e in particolare i suoi germogli, sono ricchi di antiossidanti e abbiamo osservato effetti sorprendenti sulla salute umana. I risultati sono stati spesso straordinari, abbiamo verificato infatti un importante effetto protettivo sullo stress ossidativo e proprietà contro l’Alzheimer.

Non è tuttavia il primo studio a indicare nei broccoli un potente alleato per la salute umana. Questo esemplare di verdura crucifera è stato associato anche a un’azione protettiva nei confronti dell’artrite, come dimostrano i risultati ottenuti dai ricercatori dell’Università dell’East Anglia, nel Regno Unito.

Sono inoltre ricchi di vitamine C e K, oltre a vantare importanti proprietà protettive contro le patologie tumorali che colpisono l’intestino. Veri e propri esempi del mangiare sano quindi, attenzione però a come vengono cucinati: come spiegato durante la conferenza annuale dell’American Institute for Cancer Research una errata cottura (bollitura e con microonde) può ridurre in maniera sensibile le sostanze benefiche in essi contenute.

28 febbraio 2014
Lascia un commento