Depurarsi dall’inquinamento atmosferico grazie ai broccoli. A sostenerlo alcuni ricercatori della Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health all’interno dello studio pubblicato su Cancer Prevention Research.

I broccoli favorirebbero l’azione naturale dell’organismo di eliminazione delle tossine e degli agenti inquinanti inalati durante la giornata. Lo studio statunitense è stato condotto in Cina, a circa 50 km da una delle città con la più bassa qualità dell’aria al mondo: Shanghai. Durante un periodo di dodici settimane è stato valutato il livello di espulsione di benzene e acroleina in corrispondenza al consumo di mezza tazza di bevanda ai germogli di broccoli.

Secondo i risultati riportati dai ricercatori della Johns Hopkins l’espulsione di benzene sarebbe aumentata del 61% già a partire dal primo giorno, mentre quella di acroleina del 23%. A motivare questi benefici effetti secondo i ricercatori è la presenza di sulforafano, una sostanza ritenuta in grado di prevenire alcune patologie tumorali negli animali.

Lo studio rivela inoltre, commentano i ricercatori, come diventi sempre più importante lo sviluppo di forme di risposta all’inquinamento globale sia dal punto di vista della riduzione ambientale che di protezione dell’organismo. Secondo quanto affermato dagli autori dello studio, il Dr.John Groopman e la Dr.ssa Anna M. Baetjer:

L’inquinamento atmosferico è un problema di salute pubblica complesso e pervasivo. Per affrontare il problema globalmente, oltre alle soluzioni tecniche per ridurre le emissioni inquinanti regionali, abbiamo bisogno di tradurre la nostra scienza di base in strategie per proteggere le persone da queste esposizioni: il nostro studio sostiene lo sviluppo di strategie alimentari alla base di questo complessivo sforzo di prevenzione.

20 giugno 2014
Lascia un commento