Broccoli e albicocche rimedi naturali contro la sindrome premestruale

Dai broccoli e dalle albicocche un rimedio naturale per combattere la sindrome premestruale. Secondo uno studio USA pubblicato sull’American Journal of Epidemiology il merito sarebbe da attribuire dell’alto contenuto di ferro non eme, tipico delle verdure. Una soluzione che promette di rappresentare un notevole vantaggio per coloro che sono costrette a fare i conti ogni mese con sintomi quali l’ansia, il nervosismo, il mal di stomaco, l’irrequietezza e il mal di testa.

>>Scopri i rimedi naturali contro il mal di testa

Lo studio è stato condotto dai ricercatori di due prestigiose università del Massachusetts, la Amherst e Harvard. Durante i 10 anni di durata del monitoraggio sono state valutate le condizioni fisiche di 3.000 infermiere statunitensi, tutte affette ad inizio rilevazione dalla sidrome premestruale (PMT). Al termine del decennio di rilevamento, gli studiosi hanno notato come nei due terzi delle donne fossero spariti i sintomi di PMT.

>>Scopri i rimedi naturali contro la sindrome premestruale

L’analisi condotta sullo stile di vita alimentare delle volontarie ha evidenziato il ruolo di primo piano giocato proprio dall’assunzione di ferro non eme (o anche detto ferro inorganico, n.d.r.). Secondo quanto riportato dai risultati della ricerca quindi, gli alimenti contenenti il tipo di ferro non eme non si limiterebbero all’attività di prevenzione del disturbo, ma dimostrerebbero anche un’ottima azione curativa.

Assumerne almeno 20 mg ogni giorno aiuterebbe a ridurre il rischio di sviluppare la sindrome premestruale con probabilità comprese tra il 30 e il 40% rispetto a coloro che ne includessero una minore quantità nella dieta. A differenza del ferro eme, di origine animale e contenuto prevalentemente nella carne, il ferro non eme è contenuto soprattutto in frutta e verdura come broccoli, semi di sesamo tostati e albicocche secche.

28 febbraio 2013
Lascia un commento