Brad Pitt non è di certo nuovo alla difesa degli animali. L’abbiamo visto qualche settimana fa in compagnia del suo amato cane Jacques, un simpatico bulldog inglese,di cui si ripropongono le immagini nella gallery, e oggi ritorna agli onori della cronaca per la sua difesa della mucche da carne.

Secondo l’attore, reduce dal Festival di Cannes con il suo film Killing Them Softly, vi sarebbe troppa violenza in questo mondo. Intervistato proprio sulla Croisette, Pitt ha lasciato intendere come non siano solo i film di gangster a propinare violenza, ma anche tante situazioni quotidiane di cui non ci rendiamo conto. Una di queste è proprio la brutalità con cui le vacche da carne vengono uccise per l’industria di hamburger e fast food:

«La violenza è sicuramente una parte accettata del mondo gangster. Ho fatto più fatica a recitare il ruolo di un razzista che a sparare in volto a qualcuno.

Ma non avete mai visto macellare una mucca? È molto più brutale e violento. Viviamo in un mondo davvero violento.»

Queste le parole del bellissimo compagno di Angelina Jolie. Certo, con queste dichiarazioni Pitt ha voluto giustificare la crudeltà contenuta nel film che ha presentato a Cannes, ma difficile risulta dargli torto. La macellazione degli animali al giorno d’oggi è spesso davvero violenta, soprattutto quando avviene negli allevamenti intensivi. E violente sono anche le pratiche di nutrizione stessa di questi animali, basti pensare alle recenti polemiche sui maiali o sulle oche ingozzate fino allo sfinimento per il foie gras. E che dire, infine, delle immagini di barbarie che ogni giorno provengono dalla non troppo lontana Ucraina, con la sua mattanza di cani per Euro 2012. Insomma, come sottolinea Pitt, non serve essere degli spietati criminali per infliggere sofferenza ad altri esseri viventi.

28 maggio 2012
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Fumettista Esplosivo, martedì 23 luglio 2013 alle19:33 ha scritto: rispondi »

Aprire mente e cuore... cambiare si può, basta volerlo!

Evelyne Böhni, domenica 21 luglio 2013 alle14:22 ha scritto: rispondi »

Sono d'accordo con marcò grigia!

Ili, domenica 21 luglio 2013 alle2:56 ha scritto: rispondi »

Le consiglio di vedersi il video su youtube PARETI DI VETRO, visto che c'è modo e modo di uccidere un animale secondo lei. Forse le sfugge che questi animali sono fonte di guadagno, considerati niente e il niente comporta meno spese possibili per la loro cura! Si cerchi lei su google un pò di notizie sane di chi è competente e ama gli animali invece di fermarsi alle fandonie di chi per interesse nasconde ai più questi orrori. E smettiamola di raccontarci le storielle di Heidi e le caprette che fanno CIAO

iraida ilina, sabato 20 luglio 2013 alle22:02 ha scritto: rispondi »

ecco perche sono diventata primo vegetariana....adesso vegana ....quello che va fatto ad animali non puo essere accettato ,in nessun modo ....la crudelta umana nin la tollero ho visto filmati di stronzi allevatori che si divertivano a maltrattare gli animali ....addetti ai mattatoio sono sadici falliti ....Go vegan

eidos, venerdì 19 luglio 2013 alle6:29 ha scritto: rispondi »

Le mucche accudite "come fossero figlie" fa sempre ridere. Una breve vita di premure e poi diritte al macello, se questo è il trattamento che "riservano ai loro figli" meno male che non sono figlio di allevatori.

Lascia un commento