La tecnologia e le vie di condivisione moderne implementano la comunicazione e la ricerca via Web. Tutto appare più facile e veloce da individuare e scoprire, in particolare attraverso i social network più noti: Twitter e Facebook. Questo tipo di cammino ultimamente è molto in uso tra i bracconieri, che effettuano vere e proprie battute di caccia virtuali tra i profili open degli utenti.

La condivisione di foto e immagini scattate all’interno di resort, parchi naturali e riserve ecologiche consente ai cacciatori di scoprire nuovi luoghi di predazione. La geolocalizzazione automatica di molti smartphone moderni rende ancora più facile l’individuazione di riserve protette o di zone incontaminate, dove magari vivono esemplari in via di estinzione o in pericolo. Il procedimento appare semplice: individuato il nuovo luogo da saccheggiare i cacciatori si attivano giungendo in loco via elicottero. Velocità e tecnica per eludere la sorveglianza e catturare la preda, magari rara quindi economicamente più importante e facilmente più vendibile.

Secondo una stima aggiornata, in Sudafrica verrebbero uccisi tre rinoceronti al giorno, solo per il taglio e la vendita del corno che può arrivare a valere anche sedicimila euro al chilo. La pratica barbara e subdola sta ulteriormente aggravando una situazione già precaria, mettendo a repentaglio la sopravvivenza di moltissimi animali. Nonostante gli sforzi dello staff e dei gestori dei parchi e delle riserve naturali, la geolocalizzazione automatica sta favorendo questo tipo di scempio. Per questo motivo, per impedire che una svista pregiudichi la vita di molti animali, le strutture consigliano e avvisano di disattivare la funzione per l’identificazione automatica delle posizione attraverso il cellulare e quindi di evitare riferimenti precisi e indicazioni se non generiche quando si postano le foto su Twitter e Facebook. Con qualche semplice accorgimento la fauna locale potrà sentirsi protetta e preservata perfettamente anche dai visitatori stessi che sono di passaggio.

10 aprile 2015
Fonte:
Lascia un commento