Festeggiare a Capodanno fa bene allo spirito ma i fuochi d’artificio fanno male al fisico. Chi lo dice? L’Agenzia Regionale per l’Ambiente.

Proprio grazie ai botti di fine anno il Laboratorio Mobile da ARPA Dipartimento di Lodi, impegnato nella Campagna di Misura Inquinamento Atmosferico nel Comune di Salerano sul Lambro ha rilevato nella mattinata del 1° gennaio 2008 un aumento anomalo dei valori di polveri sottili PM10, come si sa nocive per la salute dell’uomo.

Ma questo rialzo anormale è stato riscontrato più volte in occasione della notte di San Silvestro anche negli anni precedenti dalle stazioni di monitoraggio dell’ARPA piazzate in Lombardia. Secondo il Codacons i botti di Capodanno fanno schizzare in alto il livello di PM10 oltre i limiti consentiti dalla legge.

Vi sembra un oltraggio alla tradizione? Certi retaggi del passato però non sempre trovano conferma nelle generazioni che si succedono nel tempo come nel caso dell’usanza ormai abbandonata di gettare dalla finestra oggetti vecchi durante il passaggio al nuovo anno.

Perciò vi concediamo soltanto il botto del tappo che salta dalla bottiglia di spumante. Buon 2010.

29 dicembre 2009
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
background check, venerdì 23 dicembre 2011 alle11:53 ha scritto: rispondi »

great work by the way

Agente Mangiariano, martedì 29 dicembre 2009 alle15:19 ha scritto: rispondi »

Sarebbe interessante avere le misurazioni di Napoli e provincia in occasione del Capodanno: roba da alzare una nube tossica e irrespirabile per kmq.

Lascia un commento