La maglia non è un’attività da intendere solo e semplicemente in modo tradizionale, ma può rappresentare un metodo in cui il riciclo creativo trova un’espressione interessante, soprattutto per creare simpatiche borse e borsette. Accanto ai filati tradizionali, infatti, si possono utilizzare materiali che sono normalmente in commercio, come la rafia, oppure prodotti di recupero. Basti pensare che in ogni casa abbondano spesso vecchi vestiti acquistati e poi dismessi: abiti non più alla moda, gonne e t-shirt possono essere tagliati a strisce, per realizzare un un insolito filo da lavorare.

Al riciclo creativo possono concorrere anche perline, cerniere e decorazioni varie, che vanno aggiunte alla creazione secondo le proprie preferenze. Ma come si può ricorrere alla maglia per realizzare borse e borsette? Ci sono due modi fondamentali, a ferri o all’uncinetto, ed entrambi possono essere supportati da speciali complementi per realizzarne la chiusura. Se non si vuole ricorrere a determinati supporti, si possono usare i bottoni o filati di perline colorate.

Maglia i ferri

Prima di iniziare a lavorare sulla propria borsa, vanno scelti i ferri adatti. Questa decisione dipende dallo spessore del materiale che si andrà a utilizzare e dalla morbidezza che si vuole raggiungere. È però sempre consigliabile optare per una maglia serrata, non morbida, soprattutto se la borsa non sarà semplicemente decorativa. Superata questa fase preliminare, è utile seguire questi consigli:

  • Uno dei metodi più veloci per realizzare una borsetta ai ferri è preparare un rettangolo in maglia, secondo la grandezza desiderata;
  • Il rettangolo si realizza con vari giri di maglia con il punto legaccio, che consente di dare un certo spessore ed è il più semplice da eseguire;
  • I bordi del rettangolo vanno fissati tra loro con ago e filo, badando di lasciare uno dei due lati più lungo: sarà il lembo di chiusura;
  • La chiusura può avvenire fissando due o più asole a quest’ultimo lembo e, in corrispondenza, cucire sul lato opposto tanti bottoni quanti sono le asole;
  • A parte, si deve preparare la tracolla. È sempre un rettangolo a punto legaccio, con un lato molto corto e l’altro secondo la lunghezza desiderata;
  • La tracolla va infine fissata con ago e filo alle due estremità superiori della borsa.

Maglia all’uncinetto

Anche per l’uncinetto servirà scegliere il ferro più adatto, così come già visto nelle istruzioni precedenti. Per realizzare una borsetta dalla forma a sacchetto, si seguano queste istruzioni:

  • Prima di tutto, va preparata la base. Questa sarà di forma circolare e necessita un inizio con tre o quattro punti catenella, fissati con numerosi giri di maglia bassa intorno a essi, aumentando con due maglie di punti catenella a ogni giro. La base è terminata quando raggiunge la grandezza desiderata;
  • Perpendicolarmente alla base, va eseguito un giro a maglia bassa, senza aumenti né diminuzioni. Ripetere il processo in altezza, finché la borsa non raggiunge la lunghezza voluta;
  • Chiudere con un giro di maglia alta e cinque o sei giri di maglia bassa;
  • A parte bisogna realizzare due trecce, una di piccolo spessore, l’altra più spessa e resistente. La seconda, in particolare, sarà la tracolla;
  • La tracolla viene fissata con ago e filo alle estremità della borsa, mentre la treccia meno spessa si deve far passare attraverso i fori del giro a maglia alta: così facendo, la chiusura apparirà drappeggiata.

Borse con supporti

Qualora si volessero utilizzare dei supporti aggiuntivi per realizzare la chiusura della borsa, è sufficiente seguire questi consigli:

  • In commercio esistono delle chiusure ad hoc per le borse realizzate a mano: ad esempio le chiusure a scatto, simili a quelle delle clutch. Le più comuni sono in vari materiali plastici, ma ce ne sono anche in metallo. Queste ultime sono da preferire, perché più resistenti e durature;
  • Un altro tipo di chiusura è la comune cerniera. La zip viene solitamente scelta a fine realizzazione della borsa, così che sia in misura. Se la si vuole recuperare da un vecchio prodotto, come un abito, è bene effettuare delle prove con campioni di filato, in modo da impostare una proporzione di grandezza che consenta di capire quanti centimetri corrispondano a ogni maglia e a ogni giro;
  • In commercio esistono anche dei supporti circolari in legno o vimini, cui si può ricorrere nel caso la borsa che si realizza sia a mano e non a tracolla;
  • La tracolla può essere rappresentata anche da una catenella in metallo, nastri o altre stoffe di riciclo.

7 ottobre 2014
Lascia un commento