BorgoFuturo 2017: le principali novità in arrivo

Al via domani BorgoFuturo 2017, il festival della sostenibilità a misura di borgo. Diverse le novità attese quest’anno e molti gli incontri e gli eventi organizzati nella consueta sede di Ripe San Ginesio, in Provincia di Macerata. Tema centrale la figura del reduce, inteso come individuo che supera una fase di crisi e dà vita a una successiva fatta di ripartenza e rigenerazione.

=> Leggi di più sui Social Camp di BorgoFuturo 2017

BorgoFuturo 2017 è stata “anticipata” dai Social Camp, un percorso di “laboratori residenziali” che punterà alla riqualificazione e al recupero sostenibili degli spazi comunali del borgo. L’iniziativa affiancherà poi i lavori veri e propri del festival durante le giornate del 7-8-9 luglio, il cui programma è variato nelle ultime ore anche a causa di problemi di ordine pubblico (che hanno indotto tra gli altri la cancellazione dello spettacolo di Bello Figo in origine previsto per venerdì 7 luglio).

Durante la serata di venerdì 7 luglio verrà inaugurata, presso la la Pinacoteca Comunale di Arte Contemporanea, la mostra “Gianni Realini e il dipinto sonoro“, a cura di Marta Silenzi, Sandra Paccamiccio, Associazione Culturale Centofiorini e Comune di Ripe San Ginesio. Le visite saranno consentite tutti i giorni del festival, dalle 18:30 alle 22:30.

Previsti per sabato 8 luglio una serie di tavoli di lavoro con al centro temi di rilievo quali Ricostruzione, Viabilità, Turismo e accoglienza, Cultura e immaginario, Agricoltura, Artigianato e attività produttive. Verranno coinvolti istituzioni e attori locali, con lo scopo di produrre “proposte condivise di ricostruzione e valorizzazione del territorio” da presentare alla Regione.

Sempre sabato 8 sarà la volta di Aldo Nove e Antonio Rezza, che ciascuno con il proprio particolare punto di vista tratteranno il binomio composto da reduci e consumismo. Il primo interverrà alle 18:30 presso lo Spazio Incontri, mentre il secondo porterà in scena, insieme con Flavia Mastrella, lo spettacolo PITECUS presso l’Arena La Cava (ore 21:15).

Domenica 9 luglio sarà invece una giornata dedicata alla lotta contro le ingiustizie e le violenze. Di particolare rilievo l’appuntamento previsto per le 17 presso lo Spazio Incontri con l’imprenditore edile calabrese Pino Masciari, che negli anni ’90 ha denunciato gli abusi della ‘ndrangheta e le sue collusioni con il mondo della politica diventando testimone di giustizia ed entrando nel Programma Speciale di Protezione.

Alle 18:30 l’appuntamento sarà invece con il giornalista turco Murat Cinar e Kopuntu, collettivo formato da giornalisti e artisti turchi costretti a lasciare la Turchia per l’opposizione al regime di Erdogan. Spazio nella serata (ore 22:30 presso l’Arena La Cava) al chitarrista tuareg Bombino, fuggito dal Niger dopo l’assassinio di due membri della sua band in occasione di una rivolta.

Spostato a domenica 9 alle ore 20:30 (anziché come precedentemente previsto per venerdì 7) l’appuntamento con Lercio e la Compagnia Leonina, durante il quale si parlerà di “fake globale”, bufala di paese e post-verità. Il pomeriggio del 9 sarà inoltre scandito dai concerti estemporanei di Emanuele Colandrea e Bob Corn, che daranno vita in vari punti del borgo a “performance dilatate e frammentate”.

BorgoFuturo a misura dei più piccoli con la Piazzetta dei Bambini, animata nelle giornate di sabato e domenica con varie iniziative dedicate ai più giovani. Rinnovato l’appuntamento anche con Guixot de 8, gruppo noto e apprezzato in Europa per la costruzione di giochi con materiali riciclati.

Per i giornalisti e gli appassionati di comunicazione due eventi in programma l’8 e il 9 luglio. Sabato dalle 15 alle 19 è in programma il corso “Comunicare il territorio, una sfida per il giornalismo: dalla comunicazione in emergenza alla valorizzazione delle tipicità”, durante il quale si analizzerà da una parte la comunicazione nelle situazioni di emergenza, dall’altra la comunicazione volta a valorizzare il territorio e le sue tipicità. Tra i docenti Letizia Palmisano, giornalista ambientale e social media specialist; Rodolfo Coccioni, professore ordinario di Paleontologia all’Università di Urbino, e Silvio Seno, professore ordinario di Geologia strutturale presso l’Università degli Studi di Pavia, co-ideatori della Settimana del Pianeta Terra.

Il secondo corso avrà luogo domenica 9 dalle 10 alle 14 e avrà come titolo “Comunicare l’innovazione, una sfida per il futuro”. Tema centrale in questo caso la comunicazione dell’innovazione in qualsiasi ambito, dalle pubbliche amministrazioni alla green economy. Tra i docenti Alessandro Tibaldeschi, ufficio stampa dell’Incubatore I3P del Politecnico di Torino; Marco Fratoddi, giornalista, divulgatore e direttore dell’agenzia di studi e comunicazione ambientale Green Factor; Marco Gisotti, Giornalista e Direttore del Green Drop Award.

6 luglio 2017
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento