Bollette luce non pagate: quali oneri a carico degli utenti in regola

Come appreso di recente dall’Autorità per l’Energia con la delibera 50/2018/R/EEL, le bollette della luce dei morosi saranno pagate in parte da tutti i consumatori onesti, che pagano regolarmente la propria fornitura di energia elettrica. In quali casi e quali oneri si dovranno pagare nello specifico?

Premesso che sulle bollette già pervenute in casa e in quelle che stanno per arrivare non si troverà alcun addebito per coprire le morosità degli altri, gli italiani che hanno sempre pagato regolarmente potrebbero essere chiamati a pagare gli oneri di sistema non versati da quelle imprese fallite, come previsto appunto dalla delibera dell’Autorità per l’Energia in vigore dall’1 febbraio sulla quale sono intervenuti anche il TAR della Lombardia e il Consiglio di Stato.

=> Scopri le nuove offerte PLACET per le bollette di luce e gas

Gli oneri di sistema pesano sulle bollette per circa il 20%, in base a una stima fornita da un autorevole dirigente dell’ARERA pari a circa 2 euro o 2,20 euro a bolletta.

Si tratta tuttavia di stime incerte: al momento non è autorizzato alcun addebito e nessun onere di sistema è stato inserito nelle bollette della luce. Se ne parlerà a settembre, quando si effettuerà una quantificazione certa degli oneri non versati dal venditore fallito (Gala), che attualmente si attesterebbe secondo le indiscrezioni sui 280 milioni di euro.

23 febbraio 2018
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
lui la plume, sabato 24 febbraio 2018 alle8:52 ha scritto: rispondi »

Ma il deposito cauzionale che significato ha? Perchè bisogna sempre trovare sistemi per far pagare ad altri l'incapacità dei fornitori? Bisogna che si tenga sotto controllo lo stato dei pagamenti adeguando il deposito cauzionale ad ogni ritardo e bloccando le forniture se necessario. I piccoli debiti vanno pagati puntualmente quelli grossi possono essere oggetto di trattative non quelli piccoli.

Lascia un commento