Bollette luce e gas, offerte PLACET al via da marzo: le novità

Al via da marzo le offerte PLACET per quanto riguarda le bollette di luce e gas. Le tariffe “Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela” verranno presentate agli utenti due mesi dopo quanto originariamente previsto, gennaio 2018, e riguarderanno le utenze di famiglie e piccole imprese (come previsto dalla delibera 555/2017/R/com dell’Authority).

Le offerte PLACET per le bollette di luce e gas verranno rivolte a famiglie e PMI con prezzi stabiliti dai venditori, ma sulla base di condizioni contrattuali predeterminate dall’Autorità per l’energia. Accogliendo alcuni input provenienti dal Tavolo permanente di lavoro l’Autorità ha dato il via libera ad esempio all’utilizzo di quattro moduli differenti, che varieranno in funzione dell’oggetto della fornitura e del tipo di cliente finale. Lo scopo è quello di agevolare i consumatori nella comprensione delle condizioni contrattuali proposte.

=> Leggi di più sul pagamento delle bollette luce dei morosi da parte di chi è in regola

Viene richiesto ai soggetti venditori, attraverso la delibera 89/2018/R/com appena pubblicata dall’Autorità (la stessa che ha introdotto i quattro distinti moduli di presentazione dell’offerta PLACET), di garantire il rispetto di alcuni requisiti minimi nei documenti redatti affinché risultino omogenei e confrontabili con altri contratti presenti nel mercato libero.

=> Leggi le info su pagamenti e rimborsi dopo lo stop alle maxi-bollette

In particolare dovranno essere garantite due offerte PLACET, sia per le bollette della luce che per quelle del gas, una a prezzo fisso e un’altra a tariffa variabile. È richiesto inoltre che venga prevista la sola fornitura di energia, senza possibilità di inserire nelle condizioni contrattuali altri servizi o bonus. Possono usufruire dei PLACET i clienti domestici, le aziende connesse alla bassa tensione e le utenze gas con consumi annui pari a max. 200 mila metri cubi.

L’Autorità ha infine deciso di accordare un’ulteriore tutela per quanto riguarda gli interessi generati dal ritardo nel pagamento delle bollette: i clienti in regola con i pagamenti dei due anni precedenti potranno contare sull’applicazione, entro i 10 giorni successivi alla scadenza della fattura, del solo interesse legale.

21 febbraio 2018
In questa pagina si parla di:
Lascia un commento