Bob e James sono legati dal destino in una città, come quella di Londra, dove tutto scorre rapido e veloce. Questa è la storia di due amici non convenzionali: il gatto Bob e il suo proprietario James, e della loro vita di strada. I due si esibiscono a Covent Garden, e mentre il giovane suona la chitarra, il gatto rosso gli sonnecchia appollaiato sulla spalla.

Un’attrattiva che ha incuriosito ed attirato i passanti tanto da superare i confini del quartiere per diventare un libro. “A Street Cat Named Bob” (Un gatto di strada di nome Bob), pubblicato in Inghilterra da Hodder & Stoughton, è stato presentato il 15 marzo 2012. Un successo di vendita inaspettato visto che le 400 copie previste sono andate subito esaurite, con relativa coda di gente che aspettava paziente per l’autografo e una carezza a Bob.

La loro storia, descritta nel libro, è iniziata nel 2007 quando Bob si presentò ferito alla porta dell’appartamento di Tottenham dove viveva James. Il ragazzo, dopo una vita di sofferenza, droga e alcol, si prese subito cura del gatto prestandogli soccorso e nutrendolo. Le loro solitudini si unirono in una nuova amicizia e da allora Bob non ha più abbandonato James, seguendolo spontaneamente sull’autobus e in metropolitana.

Questa nuova conoscenza ha spinto James a prendersi cura anche di se stesso, fino alla reazione e alla guarigione completa. Ora il giovane è più forte, grazie anche alla presenza di Bob che gli infonde fiducia e coraggio. E la nuova notorietà acquisita con il libro ha reso la loro vita più serena. Una piccola e delicata storia di amore, come sostiene lo stesso James:

«Lui è quello per cui mi sveglio ogni giorno adesso. Sarà orribile quando mi lascerà, perché so che i gatti non vivono a lungo quanto gli esseri umani… Ma sicuramente lui mi ha dato la giusta direzione per vivere la mia vita».

7 maggio 2012
Lascia un commento