BMW inaugura una piccola rivoluzione per il mercato delle auto: il colosso dei motori ha infatti deciso di vendere i suoi ultimi modelli elettrici, ovvero i3 e i8, su Internet. Si tratta della prima compagnia automobilistica a lanciarsi nella vendita online, abbattendo così la necessità di un rivenditore concessionario autorizzato e il trasporto preventivo delle vetture, il tutto a vantaggio di costi e ambiente.

Sebbene uno showroom sia stato aperto in quel di Londra in occasione delle Olimpiadi, non presenta fisicamente le due automobili, perché non ancora disponibili al pubblico. Nemmeno si conosce il prezzo preciso di queste due auto futuristiche, anche se si ipotizza possano aggirarsi in una fascia dai 43.000 ai 120.000 dollari, a seconda del modello prescelto.

Sulle caratteristiche tecniche delle auto i3 e i8 ci si è soffermati già in un precedente articolo, in questa sede basterà ricordare come il primo modello sia una full electric dotata di Range Extender (REx), ovvero un propulsore termico in grado di ricaricare le batterie durante la marcia. La seconda è invece una ibrid plug-in, ovvero con motori sui due assi capaci di operare in sinergia fra di loro. L’autonomia stimata media per entrambi i modelli è di circa 160 chilometri.

Per quale motivo, tuttavia, BMW ha deciso di vendere le due auto su Internet? La casa automobilistica ha deciso di investire 3 milioni di dollari in promozione per vendere, nel 2013, almeno 30.000 vetture. Con i canali di rivendita tradizionali si tratterebbe di un numero ambizioso, se non impossibile, considerato come lo scorso anno il mercato globale abbia distribuito in totale 47.000 auto elettriche. Così il Web è stato visto come un’opportunità per rendere più immediati, veloci e capillari gli acquisti. Il rovescio della medaglia è che l’utente non può vedere l’auto prima dell’acquisto e nemmeno effettuarne un test drive, anche se pare improbabile che BMW non renda disponibili alcuni veicoli campione presso i propri partner.

Se ne saprà tuttavia di più nei prossimi mesi, così come Linda Croissant, portavoce di BMW Monaco, ha fatto sapere: i dettagli sulle modalità di vendita, sul sito Web e su eventuali partnership sono ancora in via di definizione.

28 luglio 2012
Fonte:
I vostri commenti
Mirko Massimiliano Paglia, lunedì 30 luglio 2012 alle20:36 ha scritto: rispondi »

Ma se devo spendere tutti quei soldi preferisco una tesla che almeno fa molti più km!

Lascia un commento