C’è un certo fermento in casa Bmw per quanto concerne la propulsione elettrica. In attesa del debutto della nuova compatta a zero emissioni, la Bmw i3, il costruttore di Monaco di Baviera ha infatti annunciato l’intenzione di investire in una rete di ricarica nel Regno Unito, con il chiaro obiettivo di creare i presupposti utili ad agevolare e a invogliare la domanda di questo genere di veicoli e avere così un buon riscontro dal mercato.

Per raggiungere i propri obiettivi, Bmw, tramite la controllata BMW i Ventures, ha investito 500.000 sterline per acquistare il 2% delle azioni della società Chargemaster, puntando in questo modo a un sodalizio che mira a estendere la rete di ricarica ChargeNow in tutto il paese anglosassone.

Allo stesso tempo è stato stretto un accordo di collaborazione della durata di cinque anni, a conferma di una strategia che il costruttore tedesco intende perseguire anche in altri paesi, dove potrebbero venire siglati degli analoghi accordi, possibilmente con un certo anticipo rispetto al debutto nelle concessionarie della nuova i3.

Per quanto riguarda la Bmw i3, va ricordato che una settimana fa sono stati resi noti i prezzi, compreso il listino italiano che vedrà la berlina elettrica partire da 36.200 euro. La vettura sarà ordinabile presso la nuova rete di concessionari Bmw i (il marchio che identificherà tutti i modelli a ridotte emissioni del gruppo), oltre che tramite la vendita online su un’apposita piattaforma.

Tra le caratteristiche del modello c’è un’autonomia di almeno 150 chilometri ulteriormente ampliabile se si opta per la versione “range extender”, ovvero una variante ad autonomia estesa dotata di un motore a benzina impiegato come generatore di corrente per ricaricare la batteria. Il debutto sul mercato è fissato invece per il mese di novembre.

29 luglio 2013
In questa pagina si parla di:
bmw
Lascia un commento