In queste ore BMW ha disposto il richiamo di un piccolo quantitativo di i8, la sportiva ibrida plug – in che fa parte della nuova gamma di modelli del sub brand “i” del marchio bavarese. In particolare, l’iniziativa di richiamo riguarderà sedici esemplari di BMW i8 prodotti fra il 29 maggio e il 5 giugno 2015.

I richiami, che avranno inizio il 10 febbraio, riguardano un problema che si è rivelato nel sistema di controllo stabilità. I fori del gruppo idraulico che fanno parte del “Dynamic Stability Control” delle unità oggetto di richiamo non sarebbero stati realizzati secondo gli standard programmati da BMW: ne potrebbe derivare, indicano i tecnici di Monaco di Baviera, un limitato movimento per i pistoncini e, di conseguenza, un malfunzionamento del DSC.

Nessun incidente è stato rilevato da parte dei tecnici BMW; tuttavia, per precauzione il marchio dell’Elica ha disposto un rapido richiamo per le i8 che hanno evidenzato questo problema al DSC. I proprietari, avvisati, saranno invitati a presentarsi presso la rete di assistenza BMW dove l’unità idraulica del Dynamic Stability Control sarà controllata e se necessario sostituita.

BMW i8, prima sportiva ad alimentazione ibrida plug – in del marchio dell’Elica, viene equipaggiata con una batteria al litio da 7,2 kWh che alimenta un motore elettrico sincrono dalla potenza di 131 cv con 250 Nm di coppia, a sua volta abbinato al 1.5 TwinPower Turbo a tre cilindri di recente sviluppo.

Già a fine 2014 BMW i8 era stata oggetto di una iniziativa di richiami. In quell’occasione, BMW North America, in seguito a una segnalazione da parte di NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration) aveva provveduto al controllo e, dove necessario, alla sostituzione del serbatoio carburante per 500 BMW i8 costruite fra aprile e settembre 2014 a causa dell’errato fissaggio di un supporto al serbatoio stesso, con possibile rischio di perdite di carburante.

14 gennaio 2016
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento