Si fanno sempre più concrete le “voci” sull’identità della futura berlina elettrica per BMW. La i6, questo il nome confermato già da alcune settimane da parte dei vertici del gruppo bavarese, sarà impostata secondo la formula “completamente elettrica” e andrà ad arricchire la gamma dei modelli di gamma media BMW oltre che del nuovo “sub brand” “i”, creato dalla casa automobilistica tedesca quale marchio interamente dedicato alle vetture eco friendly.

Più nel dettaglio, indicano ulteriori indiscrezioni che in queste ore fanno il giro del Web, la futura BMW i6 porterà in dote dimensioni da ritenere vicine agli ingombri esterni della Serie 3: dunque corpo vettura a tre volumi, lunghezza sui 4,30 – 4,40 m. La declinazione della nuova BMW i6 sarà, al momento del debutto commerciale fissato per il 2020, già in configurazione “Model Year 2021”.

Secondo i rumors che avevano tenuto banco tra novembre e dicembre la BMW i6 sarà protagonista, insieme ad altre novità, di un interessante “new deal” a basse emissioni per BMW. Segnatamente i “piani alti” di Monaco di Baviera puntano sull’incremento della propulsione elettrica e ibrida: una estensione della gamma “i” che a breve termine si concretizzerà nella i5. La vettura, anticipata nei mesi scorsi e confermata a inizio dicembre 2015, è attesa al debutto nel 2018. Successivamente (vale a dire dopo un paio d’anni) sarà la volta appunto di BMW i6.

Fra le note caratteristiche già confermate da parte della dirigenza BMW a proposito della nuova i6 è da segnalare un ampio ricorso a nuove tecnologie progettuali. Fra queste l’impiego della fibra di carbonio per diversi componenti della struttura e della scocca.

Relativamente all’impostazione powertrain, la BMW i6 sarà equipaggiata con almeno due unità elettriche (alcune fonti indicano che i motori a zero emissioni saranno addirittura quattro); l’alimentazione sarà assicurata da batterie ai polimeri di litio, ad elevata capacità, di nuova generazione.

4 gennaio 2016
In questa pagina si parla di:
bmw
Lascia un commento