Disposto il blocco del traffico a Milano, con uno stop alle auto inquinanti che partirà da martedì 17 ottobre. Una misura temporanea che le autorità comunali hanno deciso per fronteggiare l’eccessivo livello di smog segnalato dalle centraline dell’ARPA.

Per il quarto giorno consecutivo, come ha messo in evidenza l’Azienda Regionale per la Protezione dell’Ambiente, si è superata la soglia limite dei 50 microgrammi per metro cubo delle polveri sottili PM10. Le misure che sono state predisposte stabiliscono uno stop alla circolazione dal lunedì alla domenica per i veicoli adibiti al trasporto di persone e che sono alimentati a gasolio fino alla classe 4. L’orario del blocco della circolazione è compreso tra le 8:30 e le 18:30.

=> Leggi l’allerta dei Verdi sullo smog in Italia

Inoltre dovranno fermarsi i veicoli per il trasporto merci che sono alimentati a gasolio fino alla classe 3. Questi ultimi non potranno circolare dalle 8:30 alle 12:30. Nell’area metropolitana di Milano sarà vietato anche fare ricorso a sistemi di riscaldamento a legna. Inoltre i cittadini devono ridurre di un grado centigrado la temperatura all’interno delle case.

Nello specifico scatteranno anche misure di Area C nella zona compresa all’interno della Cerchia dei Bastioni. Sarà vietato l’accesso in centro a tutti i veicoli diesel Euro 0, 1, 2 e 3 ed Euro 4 senza FAP. Si avranno anche nuovi ticket per l’Area C. Per i bus superiori a 9 posti, se sono veicoli fino a 8 metri, si pagheranno 40 euro, per i veicoli tra 8 e 10,5 metri 65 euro e per i veicoli superiori a 10,5 metri e con più di 50 posti 100 euro.

=> Scopri perché lo smog rappresenta un pericolo per il cervello dei bambini

I mezzi adibiti al trasporto degli alunni delle scuole dell’infanzia, della scuola primaria e della scuola media pagheranno un ticket giornaliero di 15 euro se non superano gli 8 metri, 25 euro se hanno una lunghezza compresa fra 8 e 10,5 metri e 40 euro se superano i 10,5 metri.

Anche a Torino i dati forniti dall’ARPA cominciano a destare preoccupazione: dal 10 ottobre sono stati superati i livelli massimi consentiti di 50 microgrammi di PM10 per metro cubo nel corso di 6 giorni consecutivi. Il picco si è raggiunto domenica 15 ottobre. Le previsioni per i prossimi giorni parlano di un peggioramento. Proprio per questo anche le autorità comunali del capoluogo piemontese si riuniranno martedì per fare il punto sulla situazione smog.

16 ottobre 2017
In questa pagina si parla di:
I vostri commenti
Pescespada Trafitto, martedì 17 ottobre 2017 alle9:29 ha scritto: rispondi »

Il disco rotto ricomincia a suonare. Manca il coraggio civile di farla finita subito con le auto diesel. A parte la lobby che continua a costruirle e a venderle c'è chi se ne frega e le compra. E questo non si capisce. Lo stesso discorso vale per le stufe a biomassa. La vera e definitiva, anche se parziale, soluzione è quella di vietare la commercializzazione di questi killer!

Lascia un commento