Non solo generi alimentari e merci non deperibili. I camion bloccati in tutta Italia dal movimento dei Forconi e dallo sciopero degli autotrasportatori viaggiano in molti casi carichi di animali , trasferiti dagli allevamenti ai luoghi di macellazione.

A prescindere dalle proteste di questi giorni, si tratta comunque di viaggi durissimi, che in genere durano molte ore e mettono a dura prova la pazienza degli animali, spaventati e stressati. Una situazione che i blocchi stradali e le lunghe code che paralizzano in questi giorni molte autostrade italiane possono ulteriormente peggiorare.

Nei giorni scorsi, ad esempio, un camion che trasportava maiali è stato fermato dal movimento dei Forconi in Sicilia. Il carico era destinato a un macello della provincia di Caltanissetta, ma il camion, dopo essere stato fermato per alcune ore, è stato costretto a ripartire verso Palermo.

Forte, dunque, la preoccupazione per il benessere delle bestie, già sottoposte a condizioni di grande disagio e destinate alla morte. Per questo l’eurodeputato Andrea Zanoni, vicepresidente dell’intergruppo “Benessere degli animali” al Parlamento europeo, ha chiesto agli autotrasportatori in lotta di lasciar passare liberamente i camion che trasportano animali:

Lasciate passare i Tir che trasportano animali vivi – è l’appello del parlamentare europeo – Tra le migliaia di mezzi interessati potrebbero esserci anche veicoli carichi di poveri animali ammassati gli uni sugli altri, chiedo che a questi Tir venga assicurata libertà di circolazione, per non sottoporre gli animali a un’inutile sofferenza, e mi auguro che i loro conducenti si comportino in modo responsabile.

24 gennaio 2012
In questa pagina si parla di:
Fonte:
Lascia un commento